Milano, 1 ago. (Adnkronos) - Il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, non ha ancora deciso se ricandidarsi nel 2021 - lo farà dopo le vacanze - ma vorrebbe che il suo progetto fosse collettivo. Lo spiega in un'intervista al Corriere. "Per Milano mi confronto con tutti, soprattutto a livello internazionale. Non voglio cavarmela con uno slogan, ma - dice - se mi ricandiderò voglio che sia una candidatura collettiva. Ora più che mai non deve nascere da una mia riflessione isolata e dalle poche persone che mi stanno normalmente più vicine. Io tendo a crearmi un pool ristretto di persone a fianco, nel bene e nel male, però in questo momento è necessario allargare la riflessione. Dal punto di vista emotivo il confronto è con una sola persona: la mia compagna Chiara". E la compagna, (Chiara Bazoli, ndr), "capisce che ricandidarsi comporterebbe una vita sacrificata, però mi dice anche: “Stai attento perché sei uno che ha sempre bisogno di grandi stimoli e motivazioni professionali”. Da qui a dire che questa è la conclusione ce ne passa", aggiunge il sindaco. Per Sala, "il futuro di Milano parte dal suo presente. La nostra è una città che deve recuperare nell’oggi il suo dinamismo, che è la sua vera natura. In senso generale, poi, il futuro di Milano è verde. Lo dico come impegno, lo dico come convinzione, lo dico anche come utilità".
pinit_fg_en_rect_red_20 Milano: Sala, 'mia ricandidatura? Dovrebbe essere collettiva' - Giornale Radio