Pagina Facebook di Giornale Radio   Pagina Twitter di Giornale Radio   Pagina Instagram di Giornale Radio   Canale Youtube di Giornale Radio 24

Ascolta i Podcast di Giornale Radio

Ascolta Giornale Radio All News

Verso la manovra 2023

(Tempo di lettura: 2 - 3 minuti)

A cura di Ferruccio Bovio

L’Ufficio Studi della Confartigianato ha pubblicato un documento di analisi sui possibili interventi contro il caro-energia, intitolato ”Verso la manovra 2023. Le prospettive di politica fiscale dopo la Nota di aggiornamento al DEF, tra avvio della XIX legislatura e varo della legge di Bilancio”. Lo studio evidenzia come la pressione dei prezzi dell’energia sull’economia italiana ed europea sia senza precedenti: infatti, nella sua ultima rilevazione relativa ad agosto 2022, Confartigianato registrava una crescita del 159,2% del prezzo alla produzione per fornitura di energia elettrica e gas e, nel quarto trimestre sempre di quest’anno, il prezzo dell’energia elettrica per la famiglia tipo in tutela sale del 59% rispetto al trimestre precedente.

Inoltre, le stime preliminari appena pubblicate da Eurostat indicano per settembre un tasso di inflazione del 10% per l’Eurozona. La dinamica dei prezzi è in doppia cifra anche in Germania (+10,9%), seguita dall’ Italia (9,5%), mentre è meno accentuata in Francia (6,2%). L’inflazione energetica sale, invece, al 40,8% in Eurozona, con una più alta incidenza in Italia (+45,0%) e Germania (+44,2%) che riscontrano valori più che doppi rispetto alla Francia (+18,8%).

Pertanto, osservando la crescita vertiginosa dei prezzi dell’energia, saranno necessari ulteriori interventi, sia pure in un quadro in cui, per la presenza di un elevato debito pubblico, la Commissione Europea raccomanda all’Italia politiche fiscali prudenti.

Il nostro Governo, riferendosi agli interventi per contrastare gli effetti del caro-energia, ha precisato che “nessun bilancio nazionale è in grado di sostenere questi sforzi da solo”, ritenendo, quindi, necessario un sostegno finanziario di Bruxelles. Invece, dopo aver risposto alla pandemia con l’intervento congiunto di 806,9 miliardi di euro, i Paesi dell’Unione Europea stanno oggi muovendosi in modo disarticolato ed inefficace dinanzi alla nuova sfida in corso.

Ben 15 Stati dell’Unione, tra cui Italia, hanno, infatti, richiesto, in una lettera alla Commissione, l’introduzione di un tetto al prezzo del gas, ma la proposta varata dalla Commissione UE lo scorso 14 settembre per fronteggiare i costi dell’energia, non l’ha presa neanche in considerazione. Successivamente, pure nel Consiglio europeo dei ministri dell’energia tenutosi venerdì scorso, non è stata raggiunta un’intesa sul “price cap” e, pertanto si spera che una soluzione emerga dal Consiglio europeo che inizia proprio domani, 6 ottobre. Intanto, sempre la settimana scorsa, la Germania ha annunciato un intervento di 200 miliardi per stabilizzare i prezzi dell’energia, pari al 5,6% del PIL. Da un aiuto di tali dimensioni deriva, ovviamente, una forte riduzione dei costi energetici per le imprese tedesche ed un loro conseguente vantaggio competitivo rispetto al sistema manifatturiero degli altri Paesi, come osservato dal nostro premier Draghi, il quale si è detto, invece, favorevole ad una risposta congiunta al problema da parte dell’Europa, in modo da” evitare pericolose e ingiustificate distorsioni del mercato interno”. In vista delle elezioni del 25 settembre, Confartigianato aveva elaborato una serie di proposte da sottoporre a tutte le forze politiche che, in materia di energia e decarbonizzazione, contemplavano la fissazione di un tetto europeo al prezzo del gas, l’attuazione di una riforma strutturale della bolletta che escluda gli oneri di sistema impropri pagati dai piccoli imprenditori e il sostegno agli investimenti in energie rinnovabili, con particolare riferimento alla creazione di Comunità Energetiche e per iniziative di autoproduzione.

05 Ottobre 2022


Le notizie di "Business Planet", la rubrica di Giornale Radio. In Redazione Ferruccio Bovio, in Studio Roberto Frangipane.

 

 

 

 

Scarica la app di Giornale Radio Apple Android

GIORNALE RADIO

Giornale Radio, la radio libera di informare.

Notizie del giorno:

notizie di cronaca, di politica,notizie dal mondo, notizie sportive, di economia, di salute e tecnologia. Notizie di oggi in radio streaming, in WEB TV e in podcast.

SEGUICI SU
Pagina Facebook di Giornale Radio   Pagina Twitter di Giornale Radio   Pagina Instagram di Giornale Radio   Canale Youtube di Giornale Radio 24

Please publish modules in offcanvas position.