Giornale Radio Il Corsivo - La cultura dell'emergenza ambientale
GR live
  • Al via restauro di Palazzo Farnese, cantiere da 5,6 milioni

  • Covid: Filippine, governo proroga lockdown a Manila

  • Russia: Borrell, Mosca si sta disconnettendo dall'Ue

  • Russia: abolito voto su ritorno statua simbolo Kgb a Mosca

  • Georgia: tende davanti al Parlamento, Melia venga liberato

  • Nigeria: liberati 42 ostaggi rapiti a scuola 10 giorni fa

  • Covid: casi di variante sudafricana in Croazia e Slovenia

  • Russia: sondaggio, 48% dei russi vuole Putin oltre il 2024

  • Cuba: dissidente prelevato a casa dalla polizia

  • Covid: Usa, Camera approva piano aiuti Biden

  • Racconto Ancella torna in aprile su Hulu

  • Fisco:proroga per versamenti rottamazione e saldo-stralcio

  • Alitalia: Draghi incontra ministri,prima riunione su dossier

  • Orlando, semplificazioni per attivare Cig subito in campo

  • Bonaccini: se aumentano contagi chiudiamo altre scuole in E-R

  • Vaccini: Bertolaso, dopo over 80, priorità a chi lavora

  • Trasparenza filiera beni confiscati, Comuni rimandati

  • Russia: Borrell, Mosca si sta disconnettendo dall'Ue

  • Nigeria: liberati 42 ostaggi rapiti a scuola 10 giorni fa

  • Russia: sondaggio, 48% dei russi vuole Putin oltre il 2024

Giornale Radio Il Corsivo - La cultura dell'emergenza ambientale
Giornale Radio Il Corsivo - La cultura dell'emergenza ambientale

La cultura dell'emergenza ambientale

(Tempo di lettura: 1 - 2 minuti)

L'Italia è il Paese dove in modo ciclico va in scena la cultura dell'emergenza ambientale. Sono bastati pochi giorni di piogge eccezionali e ampiamente previste per far tornare a galla lo stato di incuria in cui versa una parte consistente del nostro territorio. Dal fiume Panaro straripato nel modenese, al Mose non attivato a Venezia con l'inevitabile innalzamento dell'acqua, passando per le allerte in Campania, Lazio, Friuli-Venezia Giulia, Veneto.
Se torniamo indietro nel tempo, polemiche sulla gestione del territorio infuriarono dopo le alluvioni del Polesine nel 1951 e 1957, di Firenze nel 1966, della Valtellina nel 1987, del Piemonte nel 1994; in seguito alla sciagura del Vajont nel 1963; ai terremoti del Belice nel 1968, del Friuli nel 1976, dell’Irpinia nel 1980, dell’Umbria nel 1997, de L'Aquila nel 2009, fino ai più recenti nel Centro Italia; alla frana della Val di Stava del 1985.
Un elenco lungo e drammatico di eventi tragici. Ma i pur preparati funzionari della Protezione Civile e i tecnici del Genio Militare nulla possono davanti alla carenza di una pianificazione strutturale delle politiche ambientali di buona parte dei Governi che si sono succeduti in questi anni.
Prevale una cultura di tipo emergenziale, cioè si interviene dopo le calamità, quasi mai prima. Si finanzia la cosiddetta “green economy”, ma manca spesso un pensiero lungo, una visione ambientale. Di questo, e molto altro ancora, avrebbe bisogno il nostro Paese. (Foto di Erroscia, CC BY-SA 3.0, via Wikimedia Commons)

 

9 dicembre 2020

Giornale Radio

Il Corsivo di Daniele Biacchessi

"Il Corsivo" di Daniele Biacchessi è in onda su Giornale Radio All News dal lunedì al sabato a partire dalle 7 del mattino. Presto anche in podcast!

 

.

Ultime Notizie

Testata Giornalistica “Italia Network News” Tribunale di Milano – Reg. n° 141 | Giornale Radio - Iscrizione al R.O.C. Registro Operatori della Comunicazione – Reg. n° 33590

Licenza SIAE Multimedia: 202100000104 - Copyright ©2021 Luckymedia Srl - Società editoriale - P.IVA 02512190998

Privacy & Policy | Credits