Pagina Facebook di Giornale Radio   Pagina Twitter di Giornale Radio   Pagina Instagram di Giornale Radio   Canale Youtube di Giornale Radio 24

Ascolta i Podcast di Giornale Radio

Ascolta Giornale Radio All News

Calenda e Renzi verso la creazione del Terzo Polo?

(Tempo di lettura: 2 - 3 minuti)

A cura di Ferruccio Bovio

Adesso, dopo avere disdetto l’accordo elettorale col PD, Carlo Calenda ed il suo partito (Azione) si trovano dinanzi ad una scelta molto delicata per quanto riguarda la loro ammissione alle prossime elezioni del 25 settembre. Se potesse decidere liberamente, pensiamo che Calenda opterebbe per una corsa solitaria, senza apparentamenti di alcun tipo con altre forze politiche. Però, è anche probabile che il nuovo protagonista dello scenario liberal democratico non stia sottovalutando il fatto che, per poterlo fare, dovrebbe essere in grado di raccogliere ben 36.000 firme entro il 21 agosto: altrimenti resterebbe escluso dalla imminente competizione elettorale. Ed ecco che allora, a questo punto, potrebbe farsi credibilmente molto concreta un’opzione che prospetta a Calenda una sorta di “uscita di sicurezza” che passerebbe attraverso un’intesa elettorale con Matteo Renzi, rimasto sino ad oggi sostanzialmente isolato ed escluso dalle grandi manovre che contano in vista dell’appuntamento alle urne. Quello di trovare un accordo con l’ex premier - nel cui esecutivo il leader di Azione fu anche ministro per lo Sviluppo Economico - non sarà certamente una soluzione entusiasmante per l’orgoglioso fondatore di Azione, anche perché lo riporterebbe a stretto contatto con un altro “caratterino” non facile come quello del senatore fiorentino…. però potrebbe consentirgli di aggirare l’obbligo di effettuare una quanto mai aleatoria raccolta delle firme da portare a termine proprio sotto Ferragosto.

La norma del 1957 che disciplina la materia elettorale esige che, per candidarsi alle elezioni politiche, i partiti debbano raccogliere una serie di firme da presentare insieme alle liste dei candidati. Quest’anno, è necessario raccogliere complessivamente 36.750 firme per Montecitorio più circa la metà per Palazzo Madama: forse oggettivamente troppe per un partito ancora in fase embrionale a livello organizzativo. Esiste, tuttavia, un’importante eccezione che consente ad alcuni gruppi politici di evitare l’espletamento di tutto questo iter burocratico: il Decreto Elezioni varato a maggio stabilisce, infatti, che, per tutti i partiti già costituiti in un gruppo parlamentare in almeno una delle due Camere al 31 dicembre 2021, non sussiste l’obbligo di raccogliere le firme. E, guarda caso, tra gli esentati, figura anche la renziana Italia Viva.

Certo, non partecipare al voto per una questione puramente burocratica lascerebbe davvero l’amaro in bocca e così, tra i calendiani, l’ipotesi di un piano B da studiare immediatamente con Renzi, in queste ore, sta prendendo decisamente corpo. Italia Viva, stando ai sondaggi, è, infatti, sensibilmente lontana dai numeri che vengono attribuiti ad Azione, ma dispone, comunque, di una carta da giocare che, al momento, per Calenda può valere veramente tutto: e stiamo parlando proprio di quel gruppo parlamentare, già costituito nel dicembre del 2021 e che solleva Renzi dalla fastidiosa incombenza di dover raccogliere le firme tra la gente in vacanza. Basta dare vita ad un’unica lista ed il gioco è fatto.

La sensazione è quella che l’accordo si farà. Un incontro tra le due prime donne viene già dato per scontato tra oggi e domani. Per Calenda significherebbe eliminare una seria incertezza sul suo immediato cammino politico. Per Renzi potrebbe, invece, rappresentare addirittura la sopravvivenza.

Crediti: Agenzia Fotogramma

09 Agosto 2022

“Il Corsivo" di Ferruccio Bovio è in onda su Giornale Radio All News dal lunedì al sabato a partire dalle 4 del mattino. Ascolta anche in podcast!
Per contattare l'autore scrivere a fb@nextcomitaly.com 

 

 

 

 

 

Condividi la notizia di Giornale Radio sul tuo profilo FacebookCondividi la notizia di Giornale Radio sul tuo profilo TwitterCondividi la notizia di Giornale Radio sul tuo profilo LinkedinCondividi la notizia di Giornale Radio con WhatsappCondividi la notizia di Giornale Radio con Telegram

  ULTIME NOTIZIE
Settembre 27, 2022

Mondiali pallavolo: Italia vince ancora, 3-1 al Belgio

Categoria: Approfondimenti Autore: Redazione
(ANSA) - ROMA, 27 SET - Italia batte Belgio 3-1 in una partita dei Mondiali di pallavolo femminile. Ad Arnhem (Olanda), nel match valido per la terza giornata del girone A, le azzurre si impongono in rimonta col punteggio di 21-25, 30-28, 29-27, 25-9. E' la…

GIORNALE RADIO

Giornale Radio, la radio libera di informare.

Notizie del giorno:

notizie di cronaca, di politica,notizie dal mondo, notizie sportive, di economia, di salute e tecnologia. Notizie di oggi in radio streaming, in WEB TV e in podcast.

SEGUICI SU
Pagina Facebook di Giornale Radio   Pagina Twitter di Giornale Radio   Pagina Instagram di Giornale Radio   Canale Youtube di Giornale Radio 24

Please publish modules in offcanvas position.