Pagina Facebook di Giornale Radio   Pagina Twitter di Giornale Radio   Pagina Instagram di Giornale Radio   Canale Youtube di Giornale Radio 24

Ascolta i Podcast di Giornale Radio

Ascolta Giornale Radio All News

 

.

.

Il nuovo patto di stabilità europeo

(Tempo di lettura: 1 - 2 minuti)

A cura di Daniele Biacchessi

La Commissione Ue ha adottato la comunicazione di orientamento per la riforma della governance economica Ue. Secondo la nuova linea, sostenibilità del debito e crescita andranno di pari passo. La spesa primaria netta (ovvero senza tener conto delle spese per interessi sul debito), sarà utilizzata come indicatore per definire i percorsi di aggiustamento fiscale e per la sorveglianza dei conti pubblici. Il nuovo sistema prevede che la Commissione e gli Stati concordano un percorso di aggiustamento dei conti in 4 anni (estendibili a 7) indicando riforme prioritarie e investimenti. Il piano di rientro dovrà essere approvato dal Consiglio e la sua applicazione sarà monitorato periodicamente.

"Questo Patto di stabilità e crescita intelligente produrrà risultati, grazie a maggiori responsabilità e meccanismi di applicazione più forti", evidenzia la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen. Vuol dire che un Paese fortemente indebitato come l'Italia, con 2758 miliardi di euro sul groppone, e una crescita assai modesta potrebbe andare incontro a difficoltà notevoli nel futuro senza una adeguata attenzione ai conti pubblici. Ciò che chiede l'Europa, nelle parole del Commissario Ue all'Economia Paolo Gentiloni, è che ci sia una tendenza di riduzione del debito. La maxi spesa per le pensioni e quella per gli interessi sul debito restringono lo spazio d'azione del governo a guida Giorgia Meloni. Il sentiero è stretto e l'Ufficio parlamentare di bilancio avverte sulla necessità di fare "particolare attenzione" al monitoraggio dei conti pubblici perché i soldi previsti nella manovra contro il caro bollette copriranno solo i primi tre-quattro mesi dell'anno e il Pnrr non può essere rimodulato. L'Italia rischierebbe un forte richiamo europe in caso contrario e sarebbe solo l'inizio di un percorso in salita.

Credits: Agenzia Fotogramma

10 Novembre 2022

“Il Corsivo" di Daniele Biacchessi è in onda su Giornale Radio All News dal lunedì al sabato a partire dalle 4 del mattino. Ascolta anche in podcast!

Per contattare l'autore scrivere a db@giornaleradio.fm

Condividi la notizia di Giornale Radio sul tuo profilo FacebookCondividi la notizia di Giornale Radio sul tuo profilo TwitterCondividi la notizia di Giornale Radio sul tuo profilo LinkedinCondividi la notizia di Giornale Radio con WhatsappCondividi la notizia di Giornale Radio con Telegram

  ULTIME NOTIZIE
Dicembre 01, 2022

Pensioni: ipotesi tornare a Opzione donna ma per pochi mesi

Categoria: Approfondimenti Autore: Redazione
(ANSA) - ROMA, 01 DIC - Ritornare alla versione di Opzione donna in vigore finora, ma con una proroga temporanea. E' una delle ipotesi, secondo quanto si apprende da fonti della maggioranza, allo studio per modificare la norma contenuta in manovra, che…

GIORNALE RADIO

Giornale Radio, la radio libera di informare.

Notizie del giorno:

notizie di cronaca, di politica,notizie dal mondo, notizie sportive, di economia, di salute e tecnologia. Notizie di oggi in radio streaming, in WEB TV e in podcast.

SEGUICI SU
Pagina Facebook di Giornale Radio   Pagina Twitter di Giornale Radio   Pagina Instagram di Giornale Radio   Canale Youtube di Giornale Radio 24

Please publish modules in offcanvas position.