Pagina Facebook di Giornale Radio   Pagina Twitter di Giornale Radio   Pagina Instagram di Giornale Radio   Canale Youtube di Giornale Radio 24

Ascolta i Podcast di Giornale Radio

Ascolta Giornale Radio All News

Il Reddito di cittadinanza e i nuovi poveri

(Tempo di lettura: 1 - 2 minuti)

A cura di Daniele Biacchessi

In Italia, secondo Istat, ci sono 5,6 milioni di persone, 2,2 milioni di nuclei familiari, che vivono in povertà assoluta. Altrettanti vivacchiano nella cosiddetta povertà relativa. Si sono impoveriti durante i lockdown da Covid, negli anni delle ristrutturazioni, della perdita di posti di lavoro, di una crescita che ha favorito gli strati meno abbienti.

Il ceto medio è diventato proletariato, il proletariato urbano si è trasformato in sottoproletariato, e il vecchio sottoproletariato urbano non ce la più.

Secondo Inps, i dati relativi ai primi sette mesi del 2022 riferiscono di 1.605.819 nuclei percettori di almeno una mensilità di RdC/PdC, con 3.515.428 persone coinvolte e un importo medio erogato a livello nazionale di 552,33 euro.

Tra gennaio e luglio 2022 è stato revocato il beneficio a 37.885 nuclei e sono decaduti dal diritto 207.033 nuclei.

A luglio 2022 i nuclei beneficiari di Reddito di Cittadinanza sono 1.053.443, mentre i nuclei beneficiari di Pensione di Cittadinanza sono 117.183.

Ora, il dibattito politico di questi giorni di campagna elettorale è incentrato sul mantenimento o sull'abolizione del Reddito di cittadinanza.

Nessun partito che vuole depennare questa misura (Fdl, Lega, Forza Italia, Azione/Italia Viva, +Europa), ha comparato in modo pubblico questi dati forniti da Istat e Inps, i cui numeri sovrapposti formano uno spaccato del Paese dove le disuguaglianze non sono diminuite, bensì aumentate a dismisura.

Istat aggiunge che proprio con il Reddito di cittadinanza almeno un milione di persone sono state sottratte alla povertà assoluta.

Il Reddito di cittadinanza non è riuscito a sistemare il nocciolo della questione: l'abbassamento della soglia critica sotto la quale una persona scivola nell'oblio sociale. Il provvedimento non va cancellato, ma riformato specie nella parte dei controlli.

È un problema enorme, servono riforme che prendano in esame tutta quella parte di cittadinanza che è in condizioni di povertà non assoluta, ma che vive comunque in condizioni difficili. E sono tanti, troppi e in crescita: ce lo dice l’Istat, la Caritas e qualsiasi studio di settore. Basta leggere e capire.

22 Settembre 2022

“Il Corsivo" di Daniele Biacchessi è in onda su Giornale Radio All News dal lunedì al sabato a partire dalle 4 del mattino. Ascolta anche in podcast!

Per contattare l'autore scrivere a db@giornaleradio.fm

Condividi la notizia di Giornale Radio sul tuo profilo FacebookCondividi la notizia di Giornale Radio sul tuo profilo TwitterCondividi la notizia di Giornale Radio sul tuo profilo LinkedinCondividi la notizia di Giornale Radio con WhatsappCondividi la notizia di Giornale Radio con Telegram

  ULTIME NOTIZIE
Ottobre 01, 2022

Cielo cupo in Scandinavia

Categoria: L' Apertura Autore: Ferruccio Bovio
L'Apertura di Ferruccio Bovio Una grande nuvola di metano incombe, da alcune ore, sui cieli di Svezia e Norvegia. Ed è una conseguenza diretta del terribile incidente avvenuto presso i gasdotti Nord Stream 1 e 2 che passano sotto il Mar Baltico ed a proposito…

GIORNALE RADIO

Giornale Radio, la radio libera di informare.

Notizie del giorno:

notizie di cronaca, di politica,notizie dal mondo, notizie sportive, di economia, di salute e tecnologia. Notizie di oggi in radio streaming, in WEB TV e in podcast.

SEGUICI SU
Pagina Facebook di Giornale Radio   Pagina Twitter di Giornale Radio   Pagina Instagram di Giornale Radio   Canale Youtube di Giornale Radio 24

Please publish modules in offcanvas position.