Pagina Facebook di Giornale Radio   Pagina Twitter di Giornale Radio   Pagina Instagram di Giornale Radio   Canale Youtube di Giornale Radio 24

Ascolta i Podcast di Giornale Radio

Ascolta Giornale Radio All News

 

.

.

Il referendum nelle repubbliche separatiste filorusse e il rischio di allargamento del conflitto

(Tempo di lettura: 1 - 2 minuti)

A cura di Daniele Biacchessi

Fino a domani si vota nelle repubbliche separatiste ucraine occupate dalle truppe russe di Donetsk e Lugansk e nelle regioni di Kherson e Zaporizhzhia. Si tratta di un referendum dall'esito scontato e considerati una farsa dalla comunità internazionale. Tra i 130 osservatori ci sarebbero anche degli italiani. Kiev però annuncia nuove riconquiste come Yatskivka, nell'Oblast di Donetsk.

Il referendum, l'annuncio di Putin del richiamo alle armi di migliaia di riservisti, il cui numero effettivo resta riservato, la conferma del Cremlino di voler utilizzare le armi nucleari in Ucraina in caso di attacco, sono fattori che oggettivamente allontanano sempre più spiragli di pace e rendono il conflitto militare l'unica opzione rimasta in campo. Anche i timidi segnali messi in campo dalla diplomazia si spengono definitivamente, tanto che il premier turco Erdogan si spende solo per uno scambio di prigionieri tra Mosca e Kiev e la presidenza ceca dell'Unione europea ha convocato per lunedì una riunione nell'ambito del meccanismo integrato di risposta alle crisi politiche (Ipcr), alla quale parteciperanno i rappresentanti permanenti degli Stati membri presso l'Ue. Mosca mostra i muscoli in piazza contro le opposizioni, condannando nuovamente il dissidente Alexey Navalny a 12 giorni di detenzione punitiva, dichiara di non essere interessata d uno scontro diretto contro gli Stati Uniti e Nato, ma non arretra la sua pressione militare di un solo passo.

È una guerra di nervi che rischia di allargare il conflitto, spostandolo sempre più verso una sfera difficilmente controllabile. Servirebbe un soggetto terzo come l'Onu, ma nulla può e vuole fare per fermare le ostilità. Anche la voce di Papa Francesco si affievolisce davanti ad una inevitabile accelerazione dello stato di tensione.

Credits: Agenzia Fotogramma

24 Settembre 2022

“Il Corsivo" di Daniele Biacchessi è in onda su Giornale Radio All News dal lunedì al sabato a partire dalle 4 del mattino. Ascolta anche in podcast!

Per contattare l'autore scrivere a db@giornaleradio.fm

Condividi la notizia di Giornale Radio sul tuo profilo FacebookCondividi la notizia di Giornale Radio sul tuo profilo TwitterCondividi la notizia di Giornale Radio sul tuo profilo LinkedinCondividi la notizia di Giornale Radio con WhatsappCondividi la notizia di Giornale Radio con Telegram

  ULTIME NOTIZIE
Dicembre 01, 2022

Mondiali: Belgio eliminato, il ct Martinez dice addio

Categoria: Approfondimenti Autore: Redazione
(ANSA) - ROMA, 01 DIC - Dopo la sorprendente eliminazione al primo turno dei Mondiali in Qatar, nella conferenza stampa successiva al pareggio contro la Croazia, il ct del Belgio, Roberto Martinez, ha annunciato il suo addio ai Diavoli Rossi. "Dico addio alla…

GIORNALE RADIO

Giornale Radio, la radio libera di informare.

Notizie del giorno:

notizie di cronaca, di politica,notizie dal mondo, notizie sportive, di economia, di salute e tecnologia. Notizie di oggi in radio streaming, in WEB TV e in podcast.

SEGUICI SU
Pagina Facebook di Giornale Radio   Pagina Twitter di Giornale Radio   Pagina Instagram di Giornale Radio   Canale Youtube di Giornale Radio 24

Please publish modules in offcanvas position.