Lo sciopero del 17 novembre, lo scontro tra sindacati e Governo, le regole

(Tempo di lettura: 1 - 2 minuti)

A cura di Daniele Biacchessi

La storia del sindacato italiano è costellata di scioperi generali e territoriali. Si tratta di forme di agitazione contro manovre economiche dei vari esecutivi di centrodestra, centrosinistra, tecnici, messe in campo per l'affermazione di diritti negati ai lavoratori oppure a sostegno di contratti collettivi rimasti disattesi. E i Governi in carica hanno scelto linee politiche differenti e l'interlocuzione con i corpi intermedi si è nel tempo dipanata tra momenti di forte scontro come nel caso dello sciopero generale del 1994 che ha determinato la caduta del primo Governo a guida Silvio Berlusconi, durante il braccio di ferro sulla riforma dello statuto dei lavoratori con i due milioni in piazza portati dalla Cgil di Sergio Cofferati al Circo Massimo di Roma, ma anche di lunghi anni di dialogo. Nello scontro tra il ministro Matteo Salvini e Cgil e Uil manca lo snodo più importante del rapporto tra chi governa e chi rappresenta le istanze dei lavoratori: la concertazione. Si è arrivati allo sciopero generale di venerdì 17 novembre indetto da Landini della Cgil e Bombardieri della Uil, senza però l'adesione di Sbarra della Cisl, dopo audaci annunci d'effetto da parte del Governo di Giorgia Meloni, poi smentiti per la mancanza complessiva di risorse da immettere nella manovra economica. Le critiche all'impianto della legge di bilancio giungono dalle parti più disparate del sistema economico del Paese: dalla Corte dei Conti a Bankitalia, a Confindustria, all'Anci. Nella sostanza, come rilevato ad esempio da Bankitalia, il forte debito italiano crea vulnerabilità. Non ci sono investimenti sulle imprese, come ammette Confindustria. E il sindacato parla di manovra iniqua. In una situazione economica come questa servirebbe una nuova fase di ascolto e di concertazione tra Governo e corpi intermedi, più che avviare uno scontro dannoso per l'intero sistema Paese.

Credits: Agenzia Fotogramma

14 Novembre 2023

“Il Corsivo" di Daniele Biacchessi è in onda su Giornale Radio All News dal lunedì al sabato a partire dalle 4 del mattino. Ascolta anche in podcast!

Per contattare l'autore scrivere a db@giornaleradio.fm

 

Condividi la notizia di Giornale Radio sul tuo profilo FacebookCondividi la notizia di Giornale Radio sul tuo profilo TwitterCondividi la notizia di Giornale Radio sul tuo profilo LinkedinCondividi la notizia di Giornale Radio con WhatsappCondividi la notizia di Giornale Radio con Telegram

GIORNALE RADIO

Giornale Radio, la radio libera di informare.

Notizie del giorno:

notizie di cronaca, di politica,notizie dal mondo, notizie sportive, di economia, di salute e tecnologia. Notizie di oggi in radio streaming, in WEB TV e in podcast.

SEGUICI SU
Pagina Facebook di Giornale Radio   Pagina Twitter di Giornale Radio   Pagina Instagram di Giornale Radio   Canale Youtube di Giornale Radio 24

Please publish modules in offcanvas position.