Pagina Facebook di Giornale Radio   Pagina Twitter di Giornale Radio   Pagina Instagram di Giornale Radio   Canale Youtube di Giornale Radio 24

Ascolta i Podcast di Giornale Radio

Ascolta Giornale Radio All News

Una campagna elettorale con tante promesse e scarsa sostenibilità economica

(Tempo di lettura: 1 - 2 minuti)

A cura di Daniele Biacchessi

Quella che si sta concludendo è una campagna elettorale dove i leader lanciano promesse di ogni tipo, ma dimostrano una scarsa attenzione alla sostenibilità economica delle misure proposte. Si va dall'aumento a mille euro per chi percepisce la pensione minima di Silvio Berlusconi alla flat tax al 23% del Presidente di Forza Italia e al 15% di Matteo Salvini della Lega, all'aumento della no tax area da 8,5 a 13 mila euro di Giuseppe Conte del M5s, agli investimenti su nucleare e rigassificatori presentate da Carlo Calenda di Azione, alla rinegoziazione del Pnrr chiesto da Giorgia Meloni di Fratelli d'Italia, alla dote per i diciottenni di Enrico Letta del Partito Democratico.

Per il 96% delle misure proposte per convincere gli elettori i partiti non spiegano come intendono finanziarle. Solamente 13 impegni su 328 hanno un’indicazione precisa e spesso viene indicata la generica “lotta all’evasione”. Nel programma del centrodestra, ad esempio, su 88 proposte, solo una è mirata alle entrate e non alle spese e riguarda il discusso smantellamento del reddito di cittadinanza. Nelle 37 pagine del programma elettorale del Pd, intitolato Insieme per un’Italia democratica e progressista, sono presenti almeno 88 promesse che implicano una spesa per lo Stato.Anche il programma del Movimento 5 stelle non entra nel dettaglio delle proposte, ma si limita a elencarne i possibili benefici senza comunicare le modalità di attuazione. Azione e Italia Viva non indicano quante risorse intendono recuperare dall’evasione fiscale e quante dalla riduzione della spesa della pubblica amministrazione. E soprattutto non è chiaro, visto che mancano le cifre precise, quante delle promesse in spesa sarebbero coperte. Mancano pochi giorni al voto del 25 settembre e non credo ci saranno ripensamenti sul tema cruciale delle coperture finanziare dei programmi dei partiti e degli schieramenti. E questo lascia sconcertati e confusi gli elettori.

21 Settembre 2022

“Il Corsivo" di Daniele Biacchessi è in onda su Giornale Radio All News dal lunedì al sabato a partire dalle 4 del mattino. Ascolta anche in podcast!

Per contattare l'autore scrivere a db@giornaleradio.fm

Condividi la notizia di Giornale Radio sul tuo profilo FacebookCondividi la notizia di Giornale Radio sul tuo profilo TwitterCondividi la notizia di Giornale Radio sul tuo profilo LinkedinCondividi la notizia di Giornale Radio con WhatsappCondividi la notizia di Giornale Radio con Telegram

  ULTIME NOTIZIE
Ottobre 01, 2022

Cielo cupo in Scandinavia

Categoria: L' Apertura Autore: Ferruccio Bovio
L'Apertura di Ferruccio Bovio Una grande nuvola di metano incombe, da alcune ore, sui cieli di Svezia e Norvegia. Ed è una conseguenza diretta del terribile incidente avvenuto presso i gasdotti Nord Stream 1 e 2 che passano sotto il Mar Baltico ed a proposito…

GIORNALE RADIO

Giornale Radio, la radio libera di informare.

Notizie del giorno:

notizie di cronaca, di politica,notizie dal mondo, notizie sportive, di economia, di salute e tecnologia. Notizie di oggi in radio streaming, in WEB TV e in podcast.

SEGUICI SU
Pagina Facebook di Giornale Radio   Pagina Twitter di Giornale Radio   Pagina Instagram di Giornale Radio   Canale Youtube di Giornale Radio 24

Please publish modules in offcanvas position.