Pagina Facebook di Giornale Radio   Pagina Twitter di Giornale Radio   Pagina Instagram di Giornale Radio   Canale Youtube di Giornale Radio 24

Ascolta i Podcast di Giornale Radio

Ascolta Giornale Radio All News

 

.

.

Ue all'Italia: nei soccorsi non c'è differenza tra navi Ong e altre. Mattarella sente Macron

(Tempo di lettura: 1 - 2 minuti)

L'Apertura di Daniele Biacchessi

Nuovo monito dell'Unione Europea all'Italia. "Nell'obbligo di salvare le vite in mare non c'è differenza tra le navi delle Ong o le altre navi: è un obbligo chiaro e inequivocabile", e "a prescindere dalle circostanze", ha detto Anitta Hipper, portavoce della Commissione Ue. "I servizi della Commissione europea sono al lavoro su un piano d'azione per le migrazioni e in questo contesto sarà convocata una riunione straordinaria dei ministri dell'Interno", ha confermato la Hipper. "Noi abbiamo messo sul tavolo una piattaforma di solidarietà volontaria. L'Italia ne è la prima beneficiaria, con la Francia e la Germania che hanno provveduto ai primi ricollocamenti. C'è la necessità che la solidarietà continui e questo sta accadendo", ha concluso la portavoce Ue.

Intanto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha avuto un colloquio telefonico con il Presidente della Repubblica Francese, Emmanuel Macron. nel corso del quale entrambi hanno affermato la grande importanza della relazione tra i due Paesi e hanno condiviso la necessità che vengano poste in atto condizioni di piena collaborazione in ogni settore sia in ambito bilaterale sia dell'Unione Europea. I due presidenti - informa il comunicato della presidenza francese - "hanno entrambi affermato la grande importanza delle relazioni tra la Francia e l'Italia ed hanno sottolineato la necessità di mettere insieme le condizioni per una piena cooperazione in tutti i settori, tanto a livello bilaterale che in seno all'Unione europea".

Ma si registra un allarme della Caritas sull'accoglienza francese. "La cosa grave è che spesso i francesi rimandano indietro dei minori cambiando l'età, questo va contro il trattato di Dublino. Rimandano anche indietro le famiglie. Pochissimi migranti vogliono restare in Italia, vogliono andare in Germania, Svezia, Olanda", sostiene Christian Papini, direttore della Caritas Intemelia, organizzazione di volontariato di Ventimiglia.

15 Novembre 2022

Leggi “L'Apertura di Giornale Radio" a cura di Daniele Biacchessi dal lunedì al sabato, sul sito di Giornale Radio.

Condividi la notizia di Giornale Radio sul tuo profilo FacebookCondividi la notizia di Giornale Radio sul tuo profilo TwitterCondividi la notizia di Giornale Radio sul tuo profilo LinkedinCondividi la notizia di Giornale Radio con WhatsappCondividi la notizia di Giornale Radio con Telegram

  ULTIME NOTIZIE
Dicembre 01, 2022

Fabbisogno: Mef, in 11 mesi migliora di 39,5 miliardi

Categoria: Approfondimenti Autore: Redazione
(ANSA) - ROMA, 01 DIC - Il fabbisogno del periodo da gennaio a novembre dell'anno in corso è pari a circa 63,5 miliardi, in miglioramento di circa 39,5 miliardi rispetto a quello registrato nel corrispondente periodo dello scorso anno (circa 103 miliardi). Lo…

GIORNALE RADIO

Giornale Radio, la radio libera di informare.

Notizie del giorno:

notizie di cronaca, di politica,notizie dal mondo, notizie sportive, di economia, di salute e tecnologia. Notizie di oggi in radio streaming, in WEB TV e in podcast.

SEGUICI SU
Pagina Facebook di Giornale Radio   Pagina Twitter di Giornale Radio   Pagina Instagram di Giornale Radio   Canale Youtube di Giornale Radio 24

Please publish modules in offcanvas position.