Pagina Facebook di Giornale Radio   Pagina Twitter di Giornale Radio   Pagina Instagram di Giornale Radio   Canale Youtube di Giornale Radio 24

Ascolta i Podcast di Giornale Radio

Ascolta Giornale Radio All News

Un luglio che si farà ricordare

(Tempo di lettura: 1 - 2 minuti)

L'Apertura di Ferruccio Bovio

Grazie all’utilizzo di miliardi di misurazioni provenienti da satelliti, navi, aerei e stazioni meteorologiche di tutto il mondo, Copernicus – il servizio di punta dell’Unione Europea per l’osservazione della Terra – ha appena certificato un nuovo apice toccato dalla crisi climatica che il pianeta sta attraversando. “La prolungata ed intensa ondata di calore che ha colpito vaste aree dell’Europa occidentale e settentrionale ha battuto – scrive il servizio Copernicus - tutti i record di temperatura”.

A livello mondiale, questo del 2022 è stato uno dei tre mesi di luglio più caldi mai registrati, con quasi 0.4°C al di sopra della media per il periodo di riferimento tra il 1991 e il 2020, risultando, quindi, leggermente più fresco di luglio 2019 e lievemente più caldo di luglio 2016. Diversamente, le temperature sono state, invece, inferiori alla media lungo l’Oceano Indiano occidentale, dal Corno d’Africa all’India meridionale fino a gran parte dell’Asia centrale, così come in quasi tutta l’Australia.

Per quanto concerne nello specifico l’Europa, questo luglio è stato complessivamente il sesto più caldo mai registrato, con ondate di calore che hanno spinto le temperature verso nuovi record locali e nazionali in vaste aree occidentali e settentrionali del continente.

Più nel dettaglio, la prolungata ondata di calore iniziata in Portogallo e Spagna, ha poi proseguito a nord e a est verso la Francia, il Regno Unito, l’Europa centrale e la Scandinavia. Temperature superiori ai 40°C sono state, infatti, riscontrate in vaste aree del Portogallo, della Spagna, della Francia e del Regno Unito. In tutte le regioni colpite, sono stati battuti i record delle temperature massime di luglio e di sempre. In particolare, la Penisola iberica ha avuto un numero insolitamente alto di giorni con temperature superiori ai 35°C, cosa che evidenzia l’usuale persistenza delle elevate temperature in quest’area.

Al contempo, questo luglio è stato più secco rispetto alla media in gran parte d’Europa, dove le scarse precipitazioni locali hanno battuto nuovi record a ovest, mentre la siccità li ha superati in diverse località del sud-ovest e del sud-est: a loro volta, queste condizioni hanno influito sull’economia locale e facilitato la diffusione e l’inasprimento degli incendi boschivi.

09 Agosto 2022

Leggi “L'Apertura di Giornale Radio" a cura di Ferruccio Bovio dal lundeì al sabato, sul sito di Giornale Radio. 

Condividi la notizia di Giornale Radio sul tuo profilo FacebookCondividi la notizia di Giornale Radio sul tuo profilo TwitterCondividi la notizia di Giornale Radio sul tuo profilo LinkedinCondividi la notizia di Giornale Radio con WhatsappCondividi la notizia di Giornale Radio con Telegram

  ULTIME NOTIZIE
Settembre 27, 2022

Elezioni: Serracchiani, si vince o si perde tutti insieme

Categoria: Approfondimenti Autore: Redazione
(ANSA) - TRIESTE, 27 SET - "E' vero, si vince o si perde tutti insieme. Non siamo collettività solo se va bene". "Io mi sono presa la mia parte di responsabilità politica. Non sono in larga compagnia. E' il momento di essere chiari, a cominciare da Russo e…

GIORNALE RADIO

Giornale Radio, la radio libera di informare.

Notizie del giorno:

notizie di cronaca, di politica,notizie dal mondo, notizie sportive, di economia, di salute e tecnologia. Notizie di oggi in radio streaming, in WEB TV e in podcast.

SEGUICI SU
Pagina Facebook di Giornale Radio   Pagina Twitter di Giornale Radio   Pagina Instagram di Giornale Radio   Canale Youtube di Giornale Radio 24

Please publish modules in offcanvas position.