Pagina Facebook di Giornale Radio   Pagina Twitter di Giornale Radio   Pagina Instagram di Giornale Radio   Canale Youtube di Giornale Radio 24

Ascolta i Podcast di Giornale Radio

Ascolta Giornale Radio All News

Roma 1960, da un’Italia all’altra | Destinazione Olimpia



Sono esattamente le 16,30 del 25 agosto 1960 quando gli atleti di 84 nazioni fanno il loro ingresso nello Stadio Olimpico per la cerimonia inaugurale: gli uomini in giacca, cravatta e cappello di stoffa; le donne con le gonne a piega sotto il ginocchio. Alle 17:30 entra l’ultimo tedoforo della staffetta olimpica partita da Olimpia, cuore della Grecia classica. Fa il giro di campo e con la torcia accende il fuoco olimpico del braciere. Il giuramento degli atleti è affidato ad un grande dello sport italiano: Adolfo Consolini, già medaglia d’oro nel lancio del disco alle Olimpiadi di Londra del 48, nonché discreto attore che ha interpretato anche il personaggio di Maciste. Quella che sta per iniziare a Roma è un’edizione dei Giochi Olimpici destinata a lanciare in orbita alcune tra le stelle più brillanti del firmamento sportivo di tutti i tempi: un nome su tutti è quello di Cassius Clay, non ancora divenuto Mohamed Ali. I nostri alfieri portano l’Italia sul podio ben 36 volte, con 13 ori, 10 argenti e 13 bronzi. Ricordiamo la nazionale di pallanuoto che, vincendo il torneo, viene subito denominata” il Settebello”, la formidabile squadra della scherma guidata dall’eterno Edoardo Mangiarotti giunto alla sua quinta olimpiade, l’impiegatizio Livio Berruti che corre i 200 metri con gli occhiali da sole neri, ma che brucia nello sprint tutti i suoi più quotati avversari americani. E poi Nino Benvenuti, futuro campione del mondo dei pesi medi, che al momento è ancora un giovane profugo istriano ed i mitici fratelli D’Inzeo, autentici fuoriclasse dell’ippica... e tutti gli altri 280 atleti capaci di destare le passioni di un’intera nazione. Certo, è una Roma molto diversa da come ci appare oggi. La Città ed il Paese si accingono a vivere gli Anni più belli della nostra storia, oscillando ancora tra la tradizione trasteverina delle carrozze trainate dai cavalli che portano a spasso i turisti e la voglia matta di vivere i tempi nuovi, sfrecciando per le vie del Centro in Vespa oppure partendo con la Seicento carica fin sopra il cofano pur di raggiungere Ostia o Fregene, anche solo per i due giorni di Ferragosto. La guerra è ancora cronologicamente piuttosto vicina, con tutti i suoi lutti e le sue miserie, ma è anche idealmente ormai molto lontana, come spazzata via da una smania travolgente di riscoprire la vita e di rifarsi, con gli interessi, di tutto il tempo perduto sotto i bombardamenti, tra una fame nera e le decimazioni delle rappresaglie. E lo sport rientra proprio perfettamente in questo scenario di ottimismo, di speranze e di entusiasmi. Specchio di questa fase di profondi mutamenti sociali può forse risultare anche Cinecittà, che ha appena cominciato a vivere il passaggio da un cinema che ci ha magistralmente raccontato di una quotidianità dura e povera a quello che adesso descrive, invece, nuove mentalità e nuovi stili di vita, nella transizione dal Neorealismo di Rossellini e De Sica alla Commedia all’ Italiana di Dino Risi, di Alberto Sordi, di Gassman o di Mastroianni. Il grande sforzo organizzativo sostenuto dal CONI per allestire dei Giochi Olimpici degni di un paese culturalmente evoluto ed industrialmente all’avanguardia, contribuiscono enormemente a proiettare nel mondo l’immagine di un’Italia che è sempre meno “pizza e mandolino” e sempre più Eni, Fiat, Alitalia e Finsider. Per la verità già il fascismo, osservando il successo dei Giochi del 1936 nella Germania nazista, aveva puntato su un’edizione romana delle Olimpiadi e così era anche arrivata la candidatura della Capitale per il 1944. Edizione che, per ovvi motivi, non si tenne mai. L'Italia ha dovuto, quindi, aspettare il 1960 per poter finalmente accogliere la più prestigiosa manifestazione sportiva. Il percorso si rivela, fin da subito tutt’altro che agevole, avendo il nostro Paese da farsi perdonare un po’ troppe cose dalle altre nazioni, ma l'allora presidente del Consiglio Alcide De Gasperi ed il suo sottosegretario, Giulio Andreotti, risanano e rilanciano il Coni, Comitato olimpico nazionale, rendendolo autonomo e, gradualmente, l’impegno italiano nello sport incomincia ad essere apprezzato e riconosciuto, al punto che già nel 1956 i giochi Invernali vengono assegnati a Cortina. Sul piano strettamente finanziario, quella compiuta dal nostro Paese in occasione di Roma 1960 può definirsi un'impresa colossale. Gli impianti che la guerra ed il Ventennio ci hanno lasciato sono pochi e obsoleti e necessitano, pertanto, di radicali interventi. Il Coni però, in qualità di unico beneficiario delle scommesse calcistiche, grazie al Totocalcio, riesce abilmente nell'impresa di trasformare i nostri impianti sportivi da motivo di forte imbarazzo, in modernissimi gioielli dell’architettura sportiva. L’astronomica – per quei tempi – cifra di 50 milioni di dollari viene investita nella costruzione e nel rifacimento degli impianti e nell'edificazione di altre infrastrutture. I lavori sono affidati ai nomi più importanti della progettistica nazionale, tra cui l'ingegnere Pier Luigi Nervi che riceve l’incarico di ammodernare il vecchio stadio Olimpico. Il rinnovato complesso ‒ collegato con un sottopasso allo Stadio dei Marmi ‒ diventa così il cuore dei Giochi, accogliendo le cerimonie d'apertura e chiusura, oltre alle gare di atletica. Nel Foro Italico sorge anche una sorta di centro olimpico dove vengono disputate le care di nuoto e tuffi e dove sono in funzione impianti di allenamento e riscaldamento. Inoltre, si segnalano il velodromo, per 20.000 spettatori; il Palazzetto dello Sport, per le gare di basket, con lo spazio per 5.000 spettatori ed il villaggio olimpico, a poca distanza dal complesso del Foro Italico ed a poche centinaia di metri dal Palazzetto dello Sport. In sostanza, Roma 1960 lancia, per prima, la soluzione urbanistica del “villaggio olimpico”, nel quale gli atleti divengono parte integrante della città. E si tratta di una novità immediatamente molto apprezzata e destinata ad essere poi sempre imitata. Non a caso, il villaggio, una volta conclusi i Giochi, sarà trasformato in quartiere abitativo. Roma 1960 costituisce, quindi, anche un formidabile trampolino di lancio per l’immagine di un’Italia che sente di non dover più soffrire di alcun complesso di inferiorità, rispetto al resto del mondo occidentale. Il Paese, tra il 1958 ed il 1963, sta vivendo il famoso “miracolo economico”, con un PIL che cresce ad una media del 6,3% annuo, la produzione industriale che decuplica le sue potenzialità, le esportazioni che volano e la lira che, nel 1959, si è guadagnata il riconoscimento di “moneta più stabile del pianeta”, sulle pagine del Financial Times. Naturalmente, il tutto avviene anche pagando il prezzo di profonde trasformazioni sociali, come le migrazioni bibliche che si registrano tra le regioni del Mezzogiorno e quelle settentrionali o come la fuga dalle campagne di tanti giovani alla ricerca di un’esistenza meno “grama” ed arcaica da godere, finalmente, nei centri delle grandi città... ma è anche il momento dell’avvio della motorizzazione di massa, della scoperta della civiltà dei consumi e dell’unificazione nazionale forgiata, in poche stagioni, dalla RAI e dall’Autostrada del Sole, in modo ben più efficace di quanto avessero potuto fare, in circa un secolo, Cavour, Garibaldi od il ventennio di esasperato nazionalismo mussoliniano. Roma 1960 capita, quindi, proprio nel pieno fulgore di questo esempio di nuovo italico Rinascimento e contribuisce enormemente alla diffusione di un design, di uno stile, di un gusto e di un "bel vivere" italiani che si affermano rapidamente in ogni continente, come simboli di fascino, raffinatezza e modernità. E Roma in particolare diviene meta o sede di intellettuali, registi, attori ed artisti che Federico Fellini animerà così bene nel suo capolavoro” la Dolce Vita”, che non ha caso il Maestro riminese manderà nelle sale proprio in questo magico 1960, sei mesi prima del solenne giuramento di Adolfo Consolini. Ascolta lo speciale “Destinazione Olimpia”, a cura di Alessio Aymone su Giornale Radio 👉 https://bit.ly/3yJYA1v Ci trovi anche in FM, DAB. Scarica l'app per dispositivi mobili per rimanere sempre aggiornato 👉https://giornaleradio.fm/scarica-app.html

Condividi la notizia di Giornale Radio sul tuo profilo FacebookCondividi la notizia di Giornale Radio sul tuo profilo TwitterCondividi la notizia di Giornale Radio sul tuo profilo LinkedinCondividi la notizia di Giornale Radio con WhatsappCondividi la notizia di Giornale Radio con Telegram

GIORNALE RADIO

Giornale Radio, la radio libera di informare.

Notizie del giorno:

notizie di cronaca, di politica,notizie dal mondo, notizie sportive, di economia, di salute e tecnologia. Notizie di oggi in radio streaming, in WEB TV e in podcast.

SEGUICI SU
Pagina Facebook di Giornale Radio   Pagina Twitter di Giornale Radio   Pagina Instagram di Giornale Radio   Canale Youtube di Giornale Radio 24

Please publish modules in offcanvas position.