Giornale Radio - 'No a vetri, plexiglass o plastiche divisorie', 'tute anti-contagio siano forniti gratis da Regione o Asl'
Pagina Facebook di Giornale Radio   Pagina Twitter di Giornale Radio   Pagina Instagram di Giornale Radio   Canale Youtube di Giornale Radio 24   Canale Twitch di Giornale Radio

Ascolta i Podcast di Giornale Radio

Ascolta Giornale Radio All News

Giornale Radio  - 'No a vetri, plexiglass o plastiche divisorie', 'tute anti-contagio siano forniti gratis da Regione o Asl'

'No a vetri, plexiglass o plastiche divisorie', 'tute anti-contagio siano forniti gratis da Regione o Asl'

(Tempo di lettura: 2 - 3 minuti)
Roma, 3 mag. (Adnkronos Salute) - Una proposta di protocollo da applicare in tutte le Rsa italiane per riaprire alle visite dei famigliari. È quella inviata oggi dall'Orsan, il comitato Open Rsa Now composto dai parenti dei ricoverati nelle strutture sanitarie assistite, al ministro della Salute Roberto Speranza con la richiesta che "rivisto, migliorato e approvato dal Cts" il protocollo venga imposto "tramite ordinanza urgente". "La Pec è appena partita e ora dal ministro Speranza - dice all'Adnkronos Salute, il presidente Orsan Dario Francolino - ci attendiamo una risposta in tempi brevi". Trattandosi di interventi relativi alla cura di persone fragili e non autonome - si legge nel documento stilato dall'Orsan - chiediamo che: 1) ai familiari sia garantito l’accesso in struttura sempre e comunque, in sicurezza, sulla base di visite programmate e/o urgenti; 2) Le visite mediche da specialista medico/tecnico, esterno alla struttura, siano sempre permesse, in qualsiasi condizione e in condivisione con i famigliari, poiché contribuiscono in modo sostanziale alla qualità della vita e al mantenimento in salute del degente. La condivisione con i famigliari deve riguardare sia la scelta dello specialista sia la strategia di cura o intervento. 3) la visita del familiare si svolga in accordo con la struttura, nel rispetto della privacy paziente/familiare, per un tempo che viene considerato significativo a partire da 45 minuti e adeguato a ristabilire la comunicazione con persone che hanno vissuto la privazione degli affetti per 14 mesi, che sono nella fase finale della vita e/o provati dalla malattia e che hanno deficit sensoriali/cognitivi. Ogni situazione andrà valutata attentamente caso per caso, al centro c’è il bene della persona ricoverata in struttura. 4) Le visite si svolgano in aree dedicate con regole determinate e condivise ma escludendo mezzi di distanziamento quali plexiglass, plastiche o porte a vetri, ovvero è possibile l’incontro fisico (stretta di mano, carezza, abbracci), senza barriere e senza la sorveglianza continua da parte di un operatore della struttura, tra un residente e un familiare per visita. (Nel caso di percorso interno all’ambiente di vita dell’Rsa il familiare viene accompagnato da un operatore). 5) In alternativa alle visite in struttura, l’ospite possa uscire liberamente con il proprio famigliare per una passeggiata. Visite mediche e controlli di routine devono essere sempre garantiti, e non possono limitare in alcun modo il numero di visite parentali; 6) La riapertura alle visite in presenza non possa inibire o limitare in alcun modo i contatti telefonici dell’ospite con amici e famigliari; 7) I visitatori, vaccinati o meno, siano obbligati ad effettuare il triage e a presentare l’esito negativo di un tampone eseguito privatamente o direttamente in struttura non antecedente le 48h la visita. Chiediamo che il tampone sia fornito gratuitamente dalla Regione/Asl o effettuato presso ambulatori dedicati a prezzo calmierato da concordarsi, comunque non superiore a 5/8 euro. E ancora: 8) I visitatori indossino i presidi concordati periodicamente con la struttura, in base all’emergenza e alle condizioni degli ospiti. Chiediamo che presidi di emergenza quali la tuta anti contagio vengano forniti gratuitamente dalla Regione/Asl o venduti direttamente in struttura a prezzi calmierati (max 8 euro); 9) I visitatori hanno il dovere e l’obbligo morale di: limitare i propri spostamenti all’interno delle aree di visita (stanze private o nuclei di appartenenza dell’ospite) e dei percorsi concordati con la struttura di riferimento evitare di creare assembramenti dedicare la visita esclusivamente al proprio ospite evitando contatti con altri ospiti o loro familiari presenti in struttura.

Condividi la notizia di Giornale Radio sul tuo profilo FacebookCondividi la notizia di Giornale Radio sul tuo profilo TwitterCondividi la notizia di Giornale Radio sul tuo profilo LinkedinCondividi la notizia di Giornale Radio con WhatsappCondividi la notizia di Giornale Radio con Telegram

  ULTIME NOTIZIE
Giornale Radio  - 'No a vetri, plexiglass o plastiche divisorie', 'tute anti-contagio siano forniti gratis da Regione o Asl'
Maggio 07, 2021

La svolta di Biden sui brevetti per i vaccini anti Covid

Categoria: Il Corsivo Autore: Daniele Biacchessi
Il corsivo di Daniele Biacchessi E' un primo passo verso la sospensione delle protezioni dei brevetti per i vaccini anti Covid-19. L'amministrazione Usa ha annunciato di essere favorevole a rimuovere gli assurdi steccati che restringono il campo dell'azione…

GIORNALE RADIO ALL NEWS

Giornale Radio Notizie del giorno:

notizie di cronaca, di politica,notizie dal mondo, notizie sportive, di economia, di salute e tecnologia. Notizie di oggi in radio streaming, in WEB TV e in podcast.

SEGUICI SU
Pagina Facebook di Giornale Radio   Pagina Twitter di Giornale Radio   Pagina Instagram di Giornale Radio   Canale Youtube di Giornale Radio 24   Canale Twitch di Giornale Radio

ASCOLTACI SU

Testata Giornalistica “Italia Network News” Tribunale di Milano – Reg. n° 141 | Giornale Radio - Iscrizione al R.O.C. Registro Operatori della Comunicazione – Reg. n° 33590

Copyright ©2020 Luckymedia Srl - Società editoriale - P.IVA 02512190998

Privacy & Policy | Credits

Please publish modules in offcanvas position.