ì
play_arrow

BANCHE E CRAC FINANZIARI

Crac Parmalat

today5 Dicembre 2023 13

Sfondo
share close
  • cover play_arrow

    Crac Parmalat Giornale Radio


Verso la fine del 2003 viene scoperto il più grande scandalo di bancarotta fraudolenta e aggiotaggio commesso da una società prIvata in Europa: il crac Parmalat, che porta al fallimento della società alimentare italiana.

L’ammanco lasciato dalla società di Collecchio, mascherato dal falso in bilancio, si aggira sui quattordici miliardi di euro; al momento della scoperta se ne stimavano la metà.

Fu dimostrato come le difficoltà finanziarie dell’azienda esistessero già agli inizi degli anni novanta.

(All’interno del podcast: testimonianze tratte da un servizio realizzato da “Il Fatto Quotidiano”, “Crac Parmalat 10 anni dopo, i risparmiatori truffati:” Credevamo in Calisto Tanzi” – 2014)

Una produzione di Giornale Radio, a cura di Manuela Donghi

Montaggio: Lorenzo Cappadone

__________________________________________

Una produzione di Giornale Radio, a cura di Manuela Donghi

Montaggio: Lorenzo Cappadone

Per i notiziari sempre aggiornati ascoltaci sul sito: https://www.giornaleradio.fm

oppure scarica la nostra App gratuita:

iOS – App Store – https://apple.co/2uW01yA Android – Google Play – http://bit.ly/2vCjiW3

Resta connesso e segui i canali social di Giornale Radio:

Facebook: https://www.facebook.com/giornaleradio.fm/

Instagram: https://www.instagram.com/giornale_radio_fm/?hl=it

Twitter: https://twitter.com/giornaleradiofm


BANCHE E CRAC FINANZIARI

Rate it

GIORNALE RADIO

Giornale Radio, la radio libera di informare.

Notizie del giorno: notizie di cronaca, di politica,notizie dal mondo, notizie sportive, di economia, di salute e tecnologia. Notizie di oggi in radio streaming, in WEB TV e in podcast.

0%
Apri la chat
Scrivi alla redazione
Contatta il team di Giornale Radio
Partecipate allo sviluppo di Giornale Radio con i vostri commenti anche in audio. Inviateci le foto e segnalazioni di eventi e fatti da rendere pubblici attraverso i nostri canali, perché anche voi siete Giornale Radio!