ì

Dentro le notizie

Coldiretti: perso il 30% dei terreni agricoli in 50 anni

today2 Marzo 2024 152

Sfondo
share close
A cura di Ferruccio Bovio

Una nota della Coldiretti sottolinea come, causa della cementificazione e dell’abbandono, l’Italia abbia perso quasi il 30% dei suoi terreni agricoli nell’ultimo mezzo secolo, con la superficie agricola utilizzabile che si è ridotta ad appena 12,8 milioni di ettari ed ha provocato effetti negativi sulla manutenzione e sulla pulizia del territorio, oltreché sulla tenuta idrogeologica del Paese. Ad esempio, come conseguenza delle coperture artificiali, il suolo non riesce più a garantire l’infiltrazione di acqua piovana che scorre in superficie, aumentando così la pericolosità idraulica del territorio nazionale. L’effetto è, quindi, quello che oltre 9 comuni su 10 in Italia (il 93,9% del totale) hanno parte del territorio in aree a rischio idrogeologico per frane ed alluvioni: il tutto, anche a causa del cambiamento climatico in atto che è caratterizzato da una tendenza alla tropicalizzazione che si manifesta con una più elevata frequenza di manifestazioni violente, con sfasamenti stagionali, con il rapido passaggio dal sole al maltempo e con precipitazioni brevi ed intense.

02 Marzo 2024

Se avete considerazioni da fare su questi temi, potete scriverci al nostro indirizzo mail fb@nextcomitaly.com oppure su Facebook o Instagram
Saremo lieti di rispondervi

Scritto da: Giornale Radio

Rate it

Commenti post (0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *


GIORNALE RADIO

Giornale Radio, la radio libera di informare.

Notizie del giorno: notizie di cronaca, di politica,notizie dal mondo, notizie sportive, di economia, di salute e tecnologia. Notizie di oggi in radio streaming, in WEB TV e in podcast.

0%
Apri la chat
Scrivi alla redazione
Contatta il team di Giornale Radio
Partecipate allo sviluppo di Giornale Radio con i vostri commenti anche in audio. Inviateci le foto e segnalazioni di eventi e fatti da rendere pubblici attraverso i nostri canali, perché anche voi siete Giornale Radio!