ì

Il Corsivo

Riaperta la nuova inchiesta sulla strage del 904. I pm: alleanza tra mafia, servizi e politica

today13 Febbraio 2024 590 10

Sfondo
share close

A cura di Daniele Biacchessi

Il 23 dicembre 1984, l’antivigilia di Natale di quarant’anni fa, una bomba ad alto potenziale veniva piazzata su una carrozza del Rapido 904 da Napoli a Milano, nella galleria direttissima di San Benedetto Val di Sambro. 16 morti e 207 feriti. Le indagini e i processi non hanno portato una verità piena, ma hanno accertato la matrice mafiosa dell’attentato. Il penultimo troncone aveva coinvolto Pippo Calò come organizzatore e Totò Riina come mandante della strage, ma la sentenza definitiva lo ha assolto per insufficienza di prove. Da pochi giorni la procura distrettuale antimafia di Firenze ha riaperto l’inchiesta, con nuovi elementi. I magistrati intendono accertare le complicità esterne a Cosa nostra in quella stagione stragista che inizia con la bomba al rapido 904 fino alle stragi del 1993 e 1994. Per gli inquirenti c’è la necessità di operare un approfondimento “in relazione alla posizione di soggetti all’epoca non coinvolti nel processo principale contro il cassiere di Cosa Nostra Pippo Calò”.  La nuova pista investigativa viene seguita dai procuratori aggiunti Luca Turco e Luca Tescaroli in collaborazione con i carabinieri del Ros. Da quello che emerge, ci sarebbe stata una vera e propria alleanza tra Cosa nostra, i servizi segreti di allora, cioè funzionari del Sismi e del Sisde, e la politica. Quale era dunque la strategia dei corleonesi negli anni Ottanta? “La mafia voleva distogliere l’attenzione dal maxi processo e dalle indagini che stavano facendo Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, quindi creare una strategia d’azione verso l’Italia, al nord, per distogliere l’attenzione dal sud e poter fare “i nostri interessi”, spiega Giovanni Brusca rispondendo alle domande dei pm Turco e Tescaroli. Brusca oggi accusa Antonio Madonia, il boss palermitano vicino ai corleonesi ma con forti legami con esponenti dell’estrema destra e con apparati deviati delle istituzioni. Quella del rapido 904 è una delle pagine rimaste oscure della strategia della tensione mafiosa che il nostro Paese ha diritto di conoscere.
Credits: Secolo XIX
13 Febbraio 2024

Scritto da: Giornale Radio

Rate it

Commenti post (0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *


GIORNALE RADIO

Giornale Radio, la radio libera di informare.

Notizie del giorno: notizie di cronaca, di politica,notizie dal mondo, notizie sportive, di economia, di salute e tecnologia. Notizie di oggi in radio streaming, in WEB TV e in podcast.

0%
Apri la chat
Scrivi alla redazione
Contatta il team di Giornale Radio
Partecipate allo sviluppo di Giornale Radio con i vostri commenti anche in audio. Inviateci le foto e segnalazioni di eventi e fatti da rendere pubblici attraverso i nostri canali, perché anche voi siete Giornale Radio!