ì

L'apertura di Giornale Radio

La ministra Roccella contestata dagli studenti parla di censura. Mattarella e Meloni la difendono

today10 Maggio 2024 9909 260 3

Sfondo
share close

A cura di Daniele Biacchessi

La ministra della famiglia Eugenia Roccella è stata contestata da un gruppo di studenti e studentesse agli Stati generali della natalità. Tutto è avvenuto all’Auditorium della Conciliazione di Roma. Appena Roccella è salita sul palco, i ragazzi si sono alzati in piedi con una serie di cartelli a comporre la scritta: “Sul mio corpo decido io”. Dal palco la ministra ha detto: “Avete ragione, oggi non decidete voi”. I ragazzi e le ragazze hanno replicato gridando: “Vergogna”. 
La posizione degli studenti
L’organizzatore, Gigi De Palo, ha invitato un rappresentante del gruppo a parlare sul palco. “Sui nostri corpi, decidiamo noi. L’attuale governo decide di convocare questo convegno mentre nessuno del governo, in un anno, ha risposte alle nostre richieste. Non ci stiamo alla triade Dio-patria-famiglia”, ha detto la giovane. Quando la ragazza ha terminato di leggere il volantino ed è scesa sul palco, la ministra Roccella ha provato di nuovo a pronunciare il suo intervento ma a quel punto sono ripresi i “vergogna, vergogna” dei giovani. La ministra allora, è andata via.
Roccella denuncia di essere stata censurata

La ministra parla di censura. “Sono certa che la segretaria del Pd Elly Schlein, tutta la sinistra, gli intellettuali – Antonio Scurati, Roberto Saviano, Nicola Lagioia, Chiara Valerio, ecc. -, La ‘grande stampa’ e la ‘stampa militante’ che abbiamo visto in queste ore mobilitata in altre sedi, avranno parole inequivocabili di solidarietà nei miei confronti”, sostiene Roccella. “Sono certa che i podisti della libertà e della democrazia non si faranno sfuggire questa occasione per dimostrare che l’evocazione del fascismo che non c’è, alla quale abbiamo assistito in queste settimane, non era solo una sceneggiata politica pronta a svanire di fronte alle censure vere”, afferma la ministra.

 
Mattarella e Meloni difendono la Roccella
Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha espresso solidarietà alla ministra e ha sottolineato che “voler mettere a tacere chi la pensa diversamente contrasta con le basi della civiltà e con la nostra Costituzione”. “Mi è dispiaciuto, solidarietà al ministro”, ha commentato la premier Giorgia Meloni, in Senato. Sui social la premier ha poi caricato un post: “Lo spettacolo andato in scena questa mattina agli Stati Generali della Natalità è ignobile”, scrive la premier.

Credits Foto: Agenzia Fotogramma

10 Maggio 2024

Scritto da: Giornale Radio

Rate it

Commenti post (0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *


GIORNALE RADIO

Giornale Radio, la radio libera di informare.

Notizie del giorno: notizie di cronaca, di politica,notizie dal mondo, notizie sportive, di economia, di salute e tecnologia. Notizie di oggi in radio streaming, in WEB TV e in podcast.

0%
Apri la chat
Scrivi alla redazione
Contatta il team di Giornale Radio
Partecipate allo sviluppo di Giornale Radio con i vostri commenti anche in audio. Inviateci le foto e segnalazioni di eventi e fatti da rendere pubblici attraverso i nostri canali, perché anche voi siete Giornale Radio!