ì

L'opinione

Direttiva UE sulla violenza di genere: Parigi e Berlino ci spieghino cosa è uno stupro

today8 Febbraio 2024 272

Sfondo
share close
A cura di Ferruccio Bovio

E’ appena stato raggiunto, a livello comunitario, l’accordo sulla controversa Direttiva europea riguardante la violenza di genere. Esiste, quindi, ora un testo ufficiale, anche se contestato da più parti (Italia compresa). Sulla norma si sono dovuti confrontare sia il Parlamento di Strasburgo, che il Consiglio d’Europa il quale, come è noto, rappresenta i singoli governi dell’Unione. I temi affrontati sono diversi e spaziano dalla mutilazione genitale femminile alla violenza online, ma non hanno, purtroppo, registrato una adeguata convergenza di opinioni proprio su quella che è forse la questione più scottante di tutta la materia: e vale adire, sul reato di stupro. Infatti, rispetto a quanto già richiesto da Parlamento e Commissione UE, il dibattito svoltosi al Consiglio per configurare le ipotesi di stupro,  ha sorprendentemente respinto la definizione di “qualunque costrizione a un atto sessuale non consensuale”.

Scopo di questa Direttiva è quello di disciplinare, in modo omogeneo ed obbligatorio, gli illeciti connessi alla violenza di genere per ogni Paese membro. E dal momento che il reato di stupro non ha una definizione identica in ogni Stato dell’Unione Europea, la formula “qualunque costrizione sessuale non consensuale” era stata giudicata particolarmente importante sia da Strasburgo, che da Bruxelles.

Il Consiglio europeo, invece, si è inaspettatamente spaccato sulla decisione da prendere e così lo stupro, almeno per ora, non è stato incluso tra i reati previsti dalla direttiva. Paesi come Spagna, Italia, Svezia, Finlandia, Belgio e Polonia si sono espressi in favore della suddetta definizione del reato, mentre hanno votato clamorosamente contro  la Francia e la Germania che hanno posto il loro veto.

La delusione italiana è stata espressa dalla vicepresidente del Parlamento europeo, Pina Picierno, che ha parlato di “una giornata triste per le politiche di genere e per i diritti”  e di una “un’occasione persa di portata storica”. Evidentemente, sempre secondo Picerno, sul piano politico, nel Consiglio europeo “hanno prevalso alcuni interessi nazionali che affondano le radici in una cultura reazionaria, retrograda e retriva”.

Francamente, la decisione di Parigi e Berlino ci coglie davvero impreparati e ci lascia increduli. La cosa vale anche per voi?

Risultati del sondaggio sui nostri social:

Alla domanda, il 25% di voi ha risposto SI, mentre il 75% ha risposto NO. Grazie per aver partecipato al sondaggio di Giornale Radio, continua a votare con noi! Giornale Radio conta su di te.

08 Febbraio 2024

Se avete considerazioni da fare su questi temi, potete scriverci al nostro indirizzo mail fb@nextcomitaly.com oppure su Facebook o Instagram
Saremo lieti di rispondervi

Scritto da: Giornale Radio

Rate it

Commenti post (0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *


GIORNALE RADIO

Giornale Radio, la radio libera di informare.

Notizie del giorno: notizie di cronaca, di politica,notizie dal mondo, notizie sportive, di economia, di salute e tecnologia. Notizie di oggi in radio streaming, in WEB TV e in podcast.

0%
Apri la chat
Scrivi alla redazione
Contatta il team di Giornale Radio
Partecipate allo sviluppo di Giornale Radio con i vostri commenti anche in audio. Inviateci le foto e segnalazioni di eventi e fatti da rendere pubblici attraverso i nostri canali, perché anche voi siete Giornale Radio!