ì

L'opinione

La bandiera di Tajani e quella di Borghi e Vannacci

today21 Maggio 2024 1051

Sfondo
share close
A cura di Ferruccio Bovio

Ad alimentare alcuni malumori – per altro neanche troppo sotterranei – che albergano tra i partiti che formano la maggioranza di governo, è saltata fuori, proprio in queste ultime ore, una polemica su un tema che a noi – oltrechè surreale – sembra anche abbastanza marginale. Lega e Forza Italia, in corsa tra loro, per occupare la seconda casella in quanto a consenso elettorale tra le forze politiche che sostengono l’esecutivo Meloni,  stanno, infatti, litigando sul valore simbolico della bandiera dell’Unione Europea e sull’ opportunità di esporla sempre a fianco del tricolore nazionale in tutti gli edifici pubblici. Ha cominciato il generale Vannacci, ironizzando  sullo stendardo di Bruxelles con lo sfondo blu e le stelle gialle, che – a suo modo di vedere – dovrebbe essere integrato dall’effige di un animale, visto che gli USA hanno un’aquila e la Russia un orso… Ma proprio da questa incompletezza (di natura grafico – simbolica) lamentata dal capolista della Lega nella circoscrizione Centro Italia, ha colto la palla al balzo  per rincarare la dose anche il senatore padano, Claudio Borghi (anch’egli candidato alle Europee), annunciando la presentazione di un suo progetto di legge per eliminare la presenza della bandiera comunitaria da ogni nostra sede pubblica, sostituendola piuttosto con quella delle varie regioni. Un’idea – quella di Borghi – che ha subito provocato reazioni stizzite non soltanto tra i partiti di opposizione, ma anche tra quelli di governo. In particolare, è stata Forza Italia ad assumere, nella persona del suo stesso leader Antonio Tajani, la posizione più dura, parlando apertamente di “qualche ignorante che concorre al Parlamento europeo e che si prende gioco della bandiera europea”. Tajani si è però – forse anche un po’ incautamente – avventurato in un’interpretazione del drappo europeo che – ci permettiamo di dubitare –  possa davvero coincidere con le intenzioni di chi, nel 1955, lo disegnò e lo presentò ufficialmente. Secondo il vice premier forzista, le dodici stelle su sfondo azzurro rappresenterebbero, infatti, “ la nostra identità e le nostre radici cristiane”, riportandoci direttamente alle  dodici stelle che cingono il capo della Madonna ed alle dodici tribù di Israele. Il colore azzurro condurrebbe, invece, al manto della Vergine Maria che, solitamente, viene, appunto, dipinto proprio in azzurro. Incuriositi, siamo andati a fare un po’ di ricerche ed abbiamo scoperto che, senza nulla concedere a svolazzi esoterici o teologici, il sito online dell’Unione Europea spiega come “le 12 stelle in cerchio” si limitino a simboleggiare “gli ideali di unità, solidarietà e armonia tra i popoli d’Europa”.

Insomma, in vista di quello che, probabilmente, è il rinnovo del Parlamento europeo più delicato di sempre, auspicheremmo di poter assistere a dibattiti dai contenuti un pochino meno astratti. Concordate con noi?

Risultati del sondaggio sui nostri social:

Alla domanda, il 67% di voi ha risposto SI, mentre il 33% ha risposto NO. Grazie per aver partecipato al sondaggio di Giornale Radio, continua a votare con noi! Giornale Radio conta su di te.

21 Maggio 2024

Se avete considerazioni da fare su questi temi, potete scriverci al nostro indirizzo mail fb@nextcomitaly.com oppure su Facebook o Instagram
Saremo lieti di rispondervi

Scritto da: Giornale Radio

Rate it

Post simili

Commenti post (0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *


GIORNALE RADIO

Giornale Radio, la radio libera di informare.

Notizie del giorno: notizie di cronaca, di politica,notizie dal mondo, notizie sportive, di economia, di salute e tecnologia. Notizie di oggi in radio streaming, in WEB TV e in podcast.

0%
Apri la chat
Scrivi alla redazione
Contatta il team di Giornale Radio
Partecipate allo sviluppo di Giornale Radio con i vostri commenti anche in audio. Inviateci le foto e segnalazioni di eventi e fatti da rendere pubblici attraverso i nostri canali, perché anche voi siete Giornale Radio!