ì

L'opinione

La salute prima di tutto

today24 Maggio 2024 1068

Sfondo
share close
A cura di Ferruccio Bovio

Il Governo ha approvato un decreto che punta a ridurre del 20% le prescrizioni mediche, partendo dal presupposto che sia troppo alta la percentuale degli  esami strumentali e delle visite specialistiche che i medici di base prescrivono. In sostanza, i camici bianchi, temendo di andare incontro ad eventuali problemi legali a seguito di cause intraprese dai pazienti nei loro confronti, finiscono per ricorrere, con troppa facilità, ad approfondimenti specialistici che potrebbero, invece, essere evitati. Pertanto, capita sempre più frequentemente che, in presenza di un qualche dolore fisico che, fin da subito, appare poco allarmante, il medico di base decida, comunque, di indirizzare il suo paziente verso una visita specialistica, con tutti i costi per la sanità pubblica che la cosa, ovviamente, comporta.

E qui entra in gioco il rapporto di conoscenza e di fiducia reciproca che intercorre tra il medico e chi si affida alle sue cure, poiché è molto probabile che, là dove si sia in presenza di un legame professionalmente ben consolidato tra i due, sarà più facile lasciar passare qualche giorno prima di procedere ad ulteriori esami diagnostici, mentre là dove questo legame non sussista ancora, si suppone che il medico preferirà mettere le mani avanti e non prendere, quindi, alcuna decisione personale.

Ma come si fa a stabilire a priori se una ecografia o una tac siano davvero necessarie?  E se per limitare i costi di questi esami alcuni malati dovessero aggravarsi o perdere persino la loro vita chi ne risponderebbe civilmente (o penalmente) se non il medico che non ha agito tempestivamente? Il decreto sull’adeguatezza prescrittiva pare affrontare la delicata materia applicando criteri che sembrano più contabili che clinici, stabilendo, infatti, che, d’ora innanzi, i medici di base saranno oggetto di controlli e di possibili sanzioni se non rispetteranno le nuove soglie previste per le prescrizioni. E noi come potremo fidarci del fatto che ci vengano davvero assegnate delle terapie oggettivamente corrette e non condizionate, invece, dall’esigenza di non oltrepassare i confini prescrittivi imposti da una legge?

Pertanto, se le cose stanno realmente così, non vi pare che sia in corso un subdolo ridimensionamento della sanità pubblica italiana?

Risultati del sondaggio sui nostri social:

Alla domanda, il 75% di voi ha risposto SI, mentre il 25% ha risposto NO. Grazie per aver partecipato al sondaggio di Giornale Radio, continua a votare con noi! Giornale Radio conta su di te.

24 Maggio 2024

Se avete considerazioni da fare su questi temi, potete scriverci al nostro indirizzo mail fb@nextcomitaly.com oppure su Facebook o Instagram
Saremo lieti di rispondervi

Scritto da: Giornale Radio

Rate it

Post simili

Commenti post (0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *


GIORNALE RADIO

Giornale Radio, la radio libera di informare.

Notizie del giorno: notizie di cronaca, di politica,notizie dal mondo, notizie sportive, di economia, di salute e tecnologia. Notizie di oggi in radio streaming, in WEB TV e in podcast.

0%
Apri la chat
Scrivi alla redazione
Contatta il team di Giornale Radio
Partecipate allo sviluppo di Giornale Radio con i vostri commenti anche in audio. Inviateci le foto e segnalazioni di eventi e fatti da rendere pubblici attraverso i nostri canali, perché anche voi siete Giornale Radio!