ì

L'opinione

Porte aperte ai soldati stranieri nell’Esercito italiano?

today2 Aprile 2024 1191 1

Sfondo
share close
A cura di Ferruccio Bovio

In un quadro geopolitico che si sta facendo sempre più complesso ed insidioso, l’Esercito italiano si trova a dover studiare tutte le possibili soluzioni per arricchire il suo organico, portandolo a livelli numerici sensibilmente superiori agli attuali. Tuttavia, la cosa potrebbe rivelarsi tutt’altro che agevole, vista la scarsa propensione delle ultime generazioni dinanzi all’idea di intraprendere una carriera militare. E così, sembra stia iniziando a farsi strada, presso il ministero della Difesa, l’ipotesi di aprire le patrie caserme anche a cittadini stranieri. Niente a che vedere – sia chiaro – con l’ esperienza della Legione Straniera francese che, sostanzialmente, accoglie tra le sua fila chiunque, a prescindere dalla sua fedina penale… ma, al contrario, si tratterebbe di un percorso molto selettivo che dovrebbe portare alcuni giovani, già residenti in Italia, ad indossare la divisa mimetica nazionale. Si pensa, in sostanza, a soggetti che, vivendo da tempo tra di noi, abbiano ormai assimilato, in maniera sufficiente, la nostra cultura e la nostra lingua e che possano, pertanto, essere facilitati anche nell’acquisizione della cittadinanza italiana. Tra i vertici dello Stato Maggiore si comincia, dunque, a considerare, con sempre maggiore attenzione, che ci sono migranti – soprattutto tra quelli di seconda generazione – che, se bene inseriti, potrebbero risultare di grande utilità: in particolar modo, laddove il nostro Esercito è impegnato in missioni nelle quali la presenza di soldati originari dei Paesi in cui queste si compiono, finirebbe per svolgere una funzione spesso fondamentale nei rapporti con le popolazioni locali.

Ciò nonostante, almeno a nostro parere, una scelta innovativa di questo tipo porrebbe il problema preliminare di accertare se veramente chi presenta la domanda di arruolamento lo stia facendo perché sinceramente mosso dal desiderio di  aderire  ad una prospettiva che è fatta non solo di parate e di battaglie simulate, ma anche di rischi molto concreti per la propria incolumità. In altre parole, bisognerebbe prestare la massima attenzione a non inquadrare, nelle nostre Forze Armate, individui che – magari per disperazione  – le considerino banalmente un’opportunità di lavoro come un’altra…

Che ne pensate di allargare anche a volontari non italiani i ruoli delle nostre Forze Armate? Vi sembra un’opportunità da prendere davvero in seria considerazione?

02 Aprile 2024

Se avete considerazioni da fare su questi temi, potete scriverci al nostro indirizzo mail fb@nextcomitaly.com oppure su Facebook o Instagram
Saremo lieti di rispondervi

Scritto da: Giornale Radio

Rate it

Commenti post (0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *


GIORNALE RADIO

Giornale Radio, la radio libera di informare.

Notizie del giorno: notizie di cronaca, di politica,notizie dal mondo, notizie sportive, di economia, di salute e tecnologia. Notizie di oggi in radio streaming, in WEB TV e in podcast.

0%
Apri la chat
Scrivi alla redazione
Contatta il team di Giornale Radio
Partecipate allo sviluppo di Giornale Radio con i vostri commenti anche in audio. Inviateci le foto e segnalazioni di eventi e fatti da rendere pubblici attraverso i nostri canali, perché anche voi siete Giornale Radio!