ì

L'opinione

Test psicoattitudinali per entrare in Magistratura: il dado è tratto?

today25 Marzo 2024 595

Sfondo
share close
A cura di Ferruccio Bovio

Il Governo sembra orientato a procedere spedito sulla strada che porta all’obbligo di sottoporre a specifici test psicoattitudinali i candidati a svolgere la funzione di magistrati. La verifica dovrebbe avere luogo subito dopo il superamento, da parte degli aspiranti giudici, delle prove orali del concorso di Stato. Dello spinoso problema si discuterà, con ogni probabilità, nella riunione del Consiglio dei Ministri in programma per oggi: pertanto, il dado pare tratto e, di conseguenza, i futuri magistrati, prima di entrare in servizio, dovranno affrontare anche un esame che si occuperà di accertare il loro stato di salute mentale.

Parere decisamente contrario a questa iniziativa dell’esecutivo Meloni è stato, puntualmente, espresso dall’Associazione Nazionale Magistrati che, in una nota ufficiale, parla di “genericità e vaghezza degli annunci dei test per i magistrati” e della “disinvoltura che disorienta”, con cui il ministro Nordio ha previsto i test psicoattitudinali “senza dire cosa siano, a cosa servano, come si strutturino, quali le conseguenze di un eventuale risultato negativo, quali le figure professionali che li effettueranno e li valuteranno”. La nota dell’Associazione si conclude poi manifestando uno “sconcerto grande”, che è “pari soltanto alla superficialità con cui si ritiene di poter intervenire in materie così delicate, così costituzionalmente sensibili, come l’ordinamento giudiziario”. Eppure, i test psicoattitudinali non costituiscono certo una novità per quanto riguarda i concorsi pubblici: ad essi si fa, ad esempio, ricorso quando si tratta di reclutare militari, poliziotti o carabinieri. E, non a caso, stiamo parlando di “servitori dello Stato” cui – esattamente come ai magistrati – viene affidata la tutela dei diritti di ogni cittadino: tutela che, necessariamente, non può essere lasciata alla responsabilità di soggetti che non forniscano adeguate garanzie di equilibrio psichico. Di conseguenza, ci pare normale che, in questi ambiti operativi, le attitudini mentali di un candidato rivestano sempre un ruolo determinante, sia per la sua assunzione, che per la sua futura carriera. Francamente, stentiamo a comprendere le ragioni di tanta ostilità da parte delle associazioni dei magistrati. Si teme, forse, che dietro a questa tipologia di test si nasconda un disegno governativo che mira a “filtrare” politicamente i giudici ed i pm che entreranno in Magistratura nei prossimi anni? In caso affermativo, avremmo allora bisogno di leggere o ascoltare, in proposito, argomentazioni chiare ed accessibili a tutti e non solamente agli azzecca garbugli…Altrimenti come non pensare di trovarci, per l’ennesima volta, dinanzi ad una delle tante prese di posizione di natura corporativa che rallentano la crescita civile, economica e sociale del nostro Paese?

Siete d’accordo anche voi?

Risultati del sondaggio sui nostri social:

Alla domanda, il 80% di voi ha risposto SI, mentre il 20% ha risposto NO. Grazie per aver partecipato al sondaggio di Giornale Radio, continua a votare con noi! Giornale Radio conta su di te.

25 Marzo 2024

Se avete considerazioni da fare su questi temi, potete scriverci al nostro indirizzo mail fb@nextcomitaly.com oppure su Facebook o Instagram
Saremo lieti di rispondervi

Scritto da: Giornale Radio

Rate it

Commenti post (0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *


GIORNALE RADIO

Giornale Radio, la radio libera di informare.

Notizie del giorno: notizie di cronaca, di politica,notizie dal mondo, notizie sportive, di economia, di salute e tecnologia. Notizie di oggi in radio streaming, in WEB TV e in podcast.

0%
Apri la chat
Scrivi alla redazione
Contatta il team di Giornale Radio
Partecipate allo sviluppo di Giornale Radio con i vostri commenti anche in audio. Inviateci le foto e segnalazioni di eventi e fatti da rendere pubblici attraverso i nostri canali, perché anche voi siete Giornale Radio!