Pagina Facebook di Giornale Radio   Pagina Twitter di Giornale Radio   Pagina Instagram di Giornale Radio   Canale Youtube di Giornale Radio 24

Ascolta i Podcast di Giornale Radio

Ascolta Giornale Radio All News

 

.

.

A trent'anni dalla strage di Capaci

(Tempo di lettura: 1 - 2 minuti)

A cura di Daniele Biacchessi

Trent'anni è un tempo lungo per la memoria di un Paese. Una cifra tonda di un anniversario che ancora scava un profondo buco nero nel cuore degli italiani e determina un prima e un dopo, un segno preciso che condiziona ancora la nostra Storia. Trent'anni fa, la mafia stragista colpiva il centro nevralgico dell'antimafia con l'eccidio sull'autostrada tra Capaci e Isola delle femmine, l'uccisione di Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo e gran parte della loro scorta (Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro), 23 feriti.

Un attentato perfetto, con 500 chilogrammi di esplosivo stipato in un cunicolo, compiuto dal vertice di Cosa Nostra (Totò Riina, Bernardo Provenzano, Giovanni Brusca, Nitto Santapaola, Matteo Messina Denaro e il gotha dell'organizzazione). Nulla fu come prima. Il 19 luglio in via D'amelio, lo stesso gruppo aveva architettato il piano per uccidere Paolo Borsellino e la scorta. Falcone e Borsellino avevano istruito il maxiprocesso concluso con un numero impressionante di condanne definitive. A trent'anni da Capaci, pesa ancora il mancato accertamento dei cosiddetti mandanti occulti della strage: una rete di interessi che univano criminali, uomini inseriti negli apparati dello Stato come Giovanni Aiello (faccia da mostro), Istituzioni, imprenditori passati alla politica come Silvio Berlusconi e Marcello Dell'Utri, e molto altro ancora. Indizi che hanno fatto scattare inchieste, che hanno impegnato procure e commissioni parlamentari, senza un risultato giudiziario. Eppure il dubbio che non fosse solo opera di Cosa Nostra rimane.

E questo anniversario non contribuirà a svelare gli intrighi che hanno portato alla morte di due simboli dell'antimafia. Ci sarebbe ancora troppo da indagare per giungere ad una verità piena. E la nostra fragile democrazia non è in grado di trasformare un dubbio in una prova provata.

Credits: Agenzia Fotogramma

23 Maggio 2022

“Il Corsivo" di Daniele Biacchessi è in onda su Giornale Radio All News dal lunedì al sabato a partire dalle 4 del mattino. Ascolta anche in podcast!
Per contattare l'autore scrivere a db@giornaleradio.fm

 

Condividi la notizia di Giornale Radio sul tuo profilo FacebookCondividi la notizia di Giornale Radio sul tuo profilo TwitterCondividi la notizia di Giornale Radio sul tuo profilo LinkedinCondividi la notizia di Giornale Radio con WhatsappCondividi la notizia di Giornale Radio con Telegram

  ULTIME NOTIZIE
Dicembre 01, 2022

Juve: Uefa apre indagine per sospette violazioni finanziarie

Categoria: Approfondimenti Autore: Redazione
(ANSA) - ROMA, 01 DIC - L'Uefa ha aperto un'inchiesta sulla Juventus per "potenziali violazioni dei regolamenti sulle licenze per club e sul fair play finanziario". L'indagine formale, condotta dalla corte di primo grado dell'organismo di controllo…

GIORNALE RADIO

Giornale Radio, la radio libera di informare.

Notizie del giorno:

notizie di cronaca, di politica,notizie dal mondo, notizie sportive, di economia, di salute e tecnologia. Notizie di oggi in radio streaming, in WEB TV e in podcast.

SEGUICI SU
Pagina Facebook di Giornale Radio   Pagina Twitter di Giornale Radio   Pagina Instagram di Giornale Radio   Canale Youtube di Giornale Radio 24

Please publish modules in offcanvas position.