Pagina Facebook di Giornale Radio   Pagina Twitter di Giornale Radio   Pagina Instagram di Giornale Radio   Canale Youtube di Giornale Radio 24

Ascolta i Podcast di Giornale Radio

Ascolta Giornale Radio All News

Contro natura

(Tempo di lettura: 1 - 2 minuti)

A cura di Ferruccio Bovio

Le parole del papà di Mattia, il bambino trascinato via da un fiume di fango che ha travolto la macchina su cui viaggiava con la mamma nei pressi di Senigallia, ci impongono una assorta pausa di riflessione. L’uomo continua, infatti, a ripetere “voglio credere che sia ancora vivo”: e questo, nonostante lo zainetto del piccolo sia stato ritrovato a circa 8 chilometri dal punto in cui l’auto è stata spazzata via dalla furia della natura. E non smette, infatti, di setacciare, senza concedersi neanche un attimo di pausa, tutto il territorio circostante nel disperato tentativo di ritrovare il suo figlioletto: purtroppo è ben difficile che, a distanza di ormai più di quattro giorni, le sue speranze possano essere soddisfatte. Ma d’altra parte, come ci può rassegnare all’idea di avere perduto un figlio? La reazione spontanea più umana è proprio quella di non crederci, quella di imporsi di non vedere, di non sentire e di non accettare un fatto che è quanto di più contro natura si possa immaginare: quello cioè di sopravvivere ai propri figli. Mattia era partito con la mamma che lo portava a casa dei nonni e, fino a che dalla macchina si poteva ancora scorgere il giardino della villetta in cui viveva, il suo sguardo era rimasto rivolto verso il finestrino posteriore per salutare il suo papà sino all’ultimissimo metro di visuale. Pare veramente impossibile che tutto abbia potuto interrompersi soltanto pochi secondi dopo, cancellando completamente ogni sguardo, ogni sogno ed ogni respiro. Sarebbe bastato magari partire dieci minuti prima, oppure avere due linee di febbre che ti impediscono di uscire ed un allegro Mattia sarebbe ancora nella sua cameretta a giocare o a fare i compiti... Per questo motivo adesso i genitori non si arrendono e continuano a sperare che da quel maledetto fiume di fango possa, improvvisamente, spuntare ancora una manina che chiede aiuto. Si batte questo padre contro la più crudele delle evidenze e noi, per quanto impotenti, continueremo a sostenerlo in questa sua battaglia infinita, restando al suo fianco per sempre.

Credits: Agenzia Fotogramma

20 Settembre 2022

“Il Corsivo" di Ferruccio Bovio è in onda su Giornale Radio All News dal lunedì al sabato a partire dalle 4 del mattino. Ascolta anche in podcast!
Per contattare l'autore scrivere a fb@nextcomitaly.com 

 

Condividi la notizia di Giornale Radio sul tuo profilo FacebookCondividi la notizia di Giornale Radio sul tuo profilo TwitterCondividi la notizia di Giornale Radio sul tuo profilo LinkedinCondividi la notizia di Giornale Radio con WhatsappCondividi la notizia di Giornale Radio con Telegram

  ULTIME NOTIZIE
Ottobre 01, 2022

Cielo cupo in Scandinavia

Categoria: L' Apertura Autore: Ferruccio Bovio
L'Apertura di Ferruccio Bovio Una grande nuvola di metano incombe, da alcune ore, sui cieli di Svezia e Norvegia. Ed è una conseguenza diretta del terribile incidente avvenuto presso i gasdotti Nord Stream 1 e 2 che passano sotto il Mar Baltico ed a proposito…

GIORNALE RADIO

Giornale Radio, la radio libera di informare.

Notizie del giorno:

notizie di cronaca, di politica,notizie dal mondo, notizie sportive, di economia, di salute e tecnologia. Notizie di oggi in radio streaming, in WEB TV e in podcast.

SEGUICI SU
Pagina Facebook di Giornale Radio   Pagina Twitter di Giornale Radio   Pagina Instagram di Giornale Radio   Canale Youtube di Giornale Radio 24

Please publish modules in offcanvas position.