Pagina Facebook di Giornale Radio   Pagina Twitter di Giornale Radio   Pagina Instagram di Giornale Radio   Canale Telegram di Giornale Radio   Canale Youtube di Giornale Radio 24   Canale Twitch di Giornale Radio

Ascolta i Podcast di Giornale Radio

Ascolta Giornale Radio All News

Giornale Radio - Destinazione Olimpia. Clay Regazzoni

Destinazione Olimpia. Clay Regazzoni



Gian Claudio – a tutti noto come Clay - Regazzoni nasce il 5 settembre 1939 a Lugano, nel Canton Ticino: la sua nazionalità è, quindi, svizzera, ma in realtà diventa italiano d’adozione fin da ragazzo e assimila anche molto bene mentalità del nostro Paese. Per la verità, la sua passione per il volante non è una cosa che risalga alla primissima infanzia, ma si manifesta solamente più tardi e così Clay comincia a fare sul serio col mondo dell’automobilismo che non è più un ragazzino: ha già, infatti, quasi 25 anni quando ottiene i primi significativi risultati in Formula 3 ed in Formula 2. Nel 1970, gli capita la formidabile occasione di approdare in Formula 1 con la Ferrari, che in quel momento non sta attraversando uno dei suoi periodi migliori, ma è pur sempre il marchio più prestigioso del mondo. La sua non comune abilità di guida, unita ad una dose sempre forte di coraggio, emerge subito ed anzi, in quel suo primo anno da ferrarista, riesce anche a cogliere un tanto inatteso, quanto esaltante successo proprio nel Gran Premio d’Italia a Monza, con Enzo Ferrari e i tifosi della Rossa che esultano orgogliosi di lui. Ma la macchina, purtroppo, continua ad essere poco competitiva ed i risultati finiscono per deludere Clay che, nel 1973, passa alla scuderia inglese Brm. Torna, così, alla Ferrari, ma questa volta riesce finalmente a condividere un percorso positivo e delle stagioni, per lui, ricche di soddisfazioni. A fare coppia con Clay, nel 1974, c’è Niki Lauda. Nel 77, Regazzoni lascia nuovamente la Ferrari , ma questa volta si tratta di un addio definitivo. Per lui inizia una fase della sua carriera caratterizzata da frequenti cambiamenti di scuderie, con alcune scelte che si rivelano quasi fallimentari. Solo con la Williams, nel 1979, ritrova la via del successo vincendo in Inghilterra a Silverstone. Lo spirito di competizione e la voglia di gareggiare sono ancora molto forti, ma Clay, ignaro, va incontro ad un destino infausto che lo aspetta al varco, anzi più propriamente ad un tornante, del Gran Premio di Long Beach nel 1980. Al volante della sua Ensign, Regazzoni è protagonista di un drammatico incidente: le ferite riportate lo costringono per sempre a vivere su una sedia a rotelle. La morte lo sorprende al volante della sua automobile il 15 dicembre del 2006, in un banale incidente sull’autostrada A1 della Cisa. Si chiude così, a 67 anni, un destino segnato nel bene e nel male da traguardi e motori.

Condividi la notizia di Giornale Radio sul tuo profilo FacebookCondividi la notizia di Giornale Radio sul tuo profilo TwitterCondividi la notizia di Giornale Radio sul tuo profilo LinkedinCondividi la notizia di Giornale Radio con WhatsappCondividi la notizia di Giornale Radio con Telegram

GIORNALE RADIO ALL NEWS

Giornale Radio Notizie del giorno:

notizie di cronaca, di politica,notizie dal mondo, notizie sportive, di economia, di salute e tecnologia. Notizie di oggi in radio streaming, in WEB TV e in podcast.

SEGUICI SU
Pagina Facebook di Giornale Radio   Pagina Twitter di Giornale Radio   Pagina Instagram di Giornale Radio   Canale Telegram di Giornale Radio   Canale Youtube di Giornale Radio 24   Canale Twitch di Giornale Radio

Please publish modules in offcanvas position.