ì

L'opinione

Che cosa ha detto Malan?

today17 Aprile 2024 859

Sfondo
share close
A cura di Ferruccio Bovio

Il capo Gruppo di Fratelli d’Italia in Senato, Lucio Malan, non può essere annoverato tra i fautori più accaniti delle teorie no vax (riconoscendo egli stesso di essersi sottoposto al vaccino anti covid), tuttavia alcune sue prese di posizione a livello parlamentare – soprattutto in materia di obbligatorietà di vaccinazione per i bambini – gli hanno, ultimamente, fatto guadagnare un certo consenso presso gli ambienti politici e culturali più refrattari dinanzi alle disposizioni medico – preventive che vengono imposte dall’alto. Ed a tale consenso si contrappone oggi – forse ingiustamente – anche una sorta di malizioso pregiudizio nei confronti di quello che Malan afferma ogni volta che si addentra nelle tematiche relative alla tutela della nostra salute.

Stanno, ad esempio, scatenando un putiferio le parole che il Senatore oggi meloniano (ma ex Forza Italia) ha pubblicato sui social a proposito dei gravissimi malori accusati da due calciatori (uno dei quali è poi addirittura deceduto) sui campi di gioco domenica scorsa. Secondo Malan, si tratta di episodi che  sono ormai divenuti troppo frequenti e va, quindi, “fatta chiarezza sulle dimensioni numeriche e sulle cause”. Ed è bastato postare questa piuttosto generica considerazione per dare il via ad una lunga serie di commenti favorevoli, da parte di numerosi no – vax, i quali hanno, evidentemente, subito colto la palla al balzo per rilanciare i propri convincimenti circa la nocività dei sieri anti covid. Per contro, a loro volta, si sono pure contestualmente  levate le critiche accese di quanti, nel post “incriminato”, hanno letto la conferma dei pregiudizi ideologici che Malan nutrirebbe verso questo tipo di farmaci. Il presidente della Fondazione Gimbe, Nino Cartabellotta, si chiede, ad esempio, se la continua attività di “disinformazione scientifica” del senatore Malan sia più che altro finalizzata a raccattare voti dai no-vax, oppure  creda veramente a quello che scrive. Ma ancora più severo è il parere del noto virologo, Roberto Burioni, il quale, dopo avere denunciato quella che definisce una “irresponsabile opera di disinformazione pericolosa per la salute pubblica e per il Paese”, si chiede anche fino a quando la presidente del Consiglio Giorgia Meloni potrà tollerare un simile comportamento, poiché – a suo dire – “non è questione di destra o di sinistra, ma è salute pubblica”.

Per parte nostra, ci siamo più volte serenamente lasciati vaccinare ed abbiamo seguito, senza fiatare,  tutte le misure restrittive adottate dal duo Conte – Speranza, durante il periodo pandemico. Pertanto, abbiamo sempre guardato alle posizioni dei no – vax attraverso le lenti di una sorpresa incredulità: tuttavia, ci pare che, adesso, il chiamare in causa persino l’inquilina di Palazzo Chigi, affinché tiri le orecchie ad un suo senatore che ha scritto qualcosa di poco chiaro su un social, sia indice di un pericoloso spirito di intolleranza che, purtroppo, si è ormai impossessato del nostro Paese.

Siete d’accordo anche voi?

Risultati del sondaggio sui nostri social:

Alla domanda, il 75% di voi ha risposto SI, mentre il 25% ha risposto NO. Grazie per aver partecipato al sondaggio di Giornale Radio, continua a votare con noi! Giornale Radio conta su di te.

17 Aprile 2024

Se avete considerazioni da fare su questi temi, potete scriverci al nostro indirizzo mail fb@nextcomitaly.com oppure su Facebook o Instagram
Saremo lieti di rispondervi

Scritto da: Giornale Radio

Rate it

Commenti post (0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *


GIORNALE RADIO

Giornale Radio, la radio libera di informare.

Notizie del giorno: notizie di cronaca, di politica,notizie dal mondo, notizie sportive, di economia, di salute e tecnologia. Notizie di oggi in radio streaming, in WEB TV e in podcast.

0%
Apri la chat
Scrivi alla redazione
Contatta il team di Giornale Radio
Partecipate allo sviluppo di Giornale Radio con i vostri commenti anche in audio. Inviateci le foto e segnalazioni di eventi e fatti da rendere pubblici attraverso i nostri canali, perché anche voi siete Giornale Radio!