Giornale Radio - Covid e turismo, dati choc 2020: in primi 9 mesi calo oltre 50%
GR live
  • Nigeria: presidente, non cederemo al ricatto dei rapitori

  • Khashoggi: Casa Bianca, ricalibrare rapporti con Riad

  • Dzerzhinsky in svantaggio, Mosca ferma referendum su statua

  • Congo, polemica sulla scorta La Farnesina: 'Fu rafforzata'

  • Usa, nel 2020 aumento del 50% delle sparatorie di massa

  • Armenia: migliaia di oppositori di nuovo in piazza a Erevan

  • Brexit: status speciale a 4,7 mln di europei, restano in Gb

  • Spagna, pass Covid sia Ue altrimenti tante formule nazionali

  • Damasco,raid Usa segnale negativo da nuova amministrazione

  • Algeria: migliaia di manifestanti tornano in piazza

  • Nigeria: presidente, non cederemo al ricatto dei rapitori

  • Khashoggi: Casa Bianca, ricalibrare rapporti con Riad

  • Umbria arancione, non ci saranno zone rosse

  • Usa varano 'Khashoggi ban' contro chi persegue dissidenti

  • Hit parade, subito in vetta Il tre con 'ALI'

  • Rapporto 007 Usa, Mbs reputava Khashoggi minaccia a regno

  • Usa, bin Salman autorizzò il blitz per uccidere Khashoggi

  • Casa Bianca, aperti a dialogo con Iran ma sanzioni restano

  • Casa Bianca, il rapporto su Khashoggi sarà pubblicato oggi

  • G20: Visco, estrema prudenza prima di ritiro misure

Giornale Radio  - Covid e turismo, dati choc 2020: in primi 9 mesi calo oltre 50%
Giornale Radio  - Covid e turismo, dati choc 2020: in primi 9 mesi calo oltre 50%

Covid e turismo, dati choc 2020: in primi 9 mesi calo oltre 50%

(Tempo di lettura: 2 - 3 minuti)

Roma, 29 dic. (Adnkronos) - Nei primi nove mesi dell'anno le presenze negli esercizi ricettivi in Italia sono in calo del 50,9% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Lo rende noto l'Istat in un report sul movimento turistico in Italia tra gennaio e settembre 2020 precisando che quest'anno, a seguito della pandemia da Covid-19, in tutti i Paesi europei i flussi turistici subiscono un profondo shock. Nei primi 8 mesi del 2020, Eurostat stima che il numero delle notti trascorse nelle strutture ricettive nell’Unione europea (Ue) a 27 sia pari a circa 1,1 miliardi: un calo di oltre il 50% rispetto allo stesso periodo del 2019. I dati provvisori del nostro Paese, relativi ai primi nove mesi del 2020, sono quindi in linea con il trend europeo (-50,9% rispetto allo stesso periodo del 2019, con quasi 192 milioni di presenze in meno) ed evidenziano l’entità della crisi del turismo interno generata dall’emergenza sanitaria, dopo anni di crescita costante del settore. Il 2019, infatti, aveva fatto registrare un ulteriore record dei flussi turistici negli esercizi ricettivi italiani, con 131,4 milioni di arrivi e 436,7 milioni di presenze e una crescita, rispettivamente, del 2,6% e dell’1,8% in confronto con l’anno precedente. L’espansione dei flussi turistici sembrava confermata dalle prime evidenze dei dati di gennaio dell’anno 2020 (+5,5% gli arrivi e +3,3% le presenze di clienti negli esercizi ricettivi italiani rispetto allo stesso mese dell’anno precedente). Ma già dal mese di febbraio si rendono visibili gli effetti della pandemia e delle conseguenti misure di contenimento (-12,0% gli arrivi e -5,8% le presenze). Nei mesi del lockdown (in particolare, dall’11 marzo al 4 maggio) la domanda quasi si azzera e le presenze nelle strutture ricettive sono appena il 9% di quelle registrate nello stesso periodo del 2019. In particolare, il calo delle presenze è pari a -82,4% a marzo, a -95,4% ad aprile e a -92,9% a maggio. Pressoché assente la clientela straniera (-98,0% sia ad aprile che a maggio). Complessivamente nei mesi del lockdown, la variazione, rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, è pari a -91% con una perdita di quasi 74 milioni di presenze, di cui 43,4 milioni di clienti stranieri e 30,3 milioni di italiani. Lo rende noto l'Istat in un report sul movimento turistico in Italia tra gennaio e settembre 2020. Nel mese di giugno 2020, in seguito alla possibilità di ripresa degli spostamenti interregionali, i flussi turistici iniziano timidamente a risalire; tuttavia, le presenze totali rappresentano appena il 21% di quelle registrate nello stesso mese del 2019: la perdita di presenze rimane particolarmente alta per la componente straniera (-93,1%) rispetto a quella domestica (-63,3%). Il trimestre estivo (luglio, agosto e settembre) vede un recupero parziale, in particolare nel mese di agosto. La ripresa è decisamente più robusta per la componente domestica nazionale mentre risulta molto limitata, anche nel mese di agosto, per quella estera. Nel trimestre luglio-settembre, infatti, le presenze totali sono pari a circa il 64% di quelle registrate l’anno precedente, con una perdita di più di 74,2 milioni di presenze, ma con performance delle due componenti fortemente divergenti: i pernottamenti dei clienti italiani raggiungono poco più dell’86% di quelli rilevati lo scorso anno, quelli relativi ai clienti stranieri appena il 40%.

 

.

Ultime Notizie

Testata Giornalistica “Italia Network News” Tribunale di Milano – Reg. n° 141 | Giornale Radio - Iscrizione al R.O.C. Registro Operatori della Comunicazione – Reg. n° 33590

Licenza SIAE Multimedia: 202100000104 - Copyright ©2021 Luckymedia Srl - Società editoriale - P.IVA 02512190998

Privacy & Policy | Credits