Giornale Radio - Scorsese, a sorpresa su Netflix un docu su New York
GR live
  • Al via restauro di Palazzo Farnese, cantiere da 5,6 milioni

  • Covid: Filippine, governo proroga lockdown a Manila

  • Russia: Borrell, Mosca si sta disconnettendo dall'Ue

  • Russia: abolito voto su ritorno statua simbolo Kgb a Mosca

  • Georgia: tende davanti al Parlamento, Melia venga liberato

  • Nigeria: liberati 42 ostaggi rapiti a scuola 10 giorni fa

  • Covid: casi di variante sudafricana in Croazia e Slovenia

  • Russia: sondaggio, 48% dei russi vuole Putin oltre il 2024

  • Cuba: dissidente prelevato a casa dalla polizia

  • Covid: Usa, Camera approva piano aiuti Biden

  • Racconto Ancella torna in aprile su Hulu

  • Fisco:proroga per versamenti rottamazione e saldo-stralcio

  • Alitalia: Draghi incontra ministri,prima riunione su dossier

  • Orlando, semplificazioni per attivare Cig subito in campo

  • Bonaccini: se aumentano contagi chiudiamo altre scuole in E-R

  • Vaccini: Bertolaso, dopo over 80, priorità a chi lavora

  • Trasparenza filiera beni confiscati, Comuni rimandati

  • Russia: Borrell, Mosca si sta disconnettendo dall'Ue

  • Nigeria: liberati 42 ostaggi rapiti a scuola 10 giorni fa

  • Russia: sondaggio, 48% dei russi vuole Putin oltre il 2024

Giornale Radio  - Scorsese, a sorpresa su Netflix un docu su New York
Giornale Radio  - Scorsese, a sorpresa su Netflix un docu su New York

Scorsese, a sorpresa su Netflix un docu su New York

(Tempo di lettura: 1 - 2 minuti)
(di Alessandra Baldini) (ANSA) - NEW YORK, 29 DIC - "The Irishman" non è stato l'ultimo valzer di Martin Scorsese: dopo aver confidato al "Guardian", un anno fa proprio di questi tempi, di essere "forse" arrivato al capolinea, il regista di "Quei bravi ragazzi" è più attivo che mai. "Pretend It's a City", che debutterà a sorpresa su Netflix l'8 gennaio, è un viaggio pre-Covid nella Grande Mela attraverso gli occhi e la sensibilità dell'amica e concittadina Fran Lebowitz. "La gente si arrabbia con me perché ho troppe opinioni" , dice la moderna Dorothy Parker nel trailer del documentario che punta la cinepresa sulle sue frustrazioni per come la gente naviga l'amata New York. Come quando Fran vede una nuova bancarella della libreria Strand nella trappola per turisti di Times Square e si rivolge al venditore: "Non ti sembra ingiusto portare qui un libro? Ingiusto per i libri...". Non è la prima volta che Scorsese e la Lebowitz lavorano assieme: dieci anni fa l'autrice di "Due Panda a New York" fu il soggetto di "Public Speaking" per Hbo che la vedeva pontificare seduta al tavolo preferito del Waverly Inn, il ristorante dell'allora direttore di Vanity Fair, Graydon Carter. Nel 2013 l'umorista era poi apparsa in due distinti ruoli cammeo in "The Wolf of Wall Street". Ora settantenne, Fran offre a Scorsese un "Baedeker" della sua città preferita, coprendo "soggetti che vanno dai turisti ai soldi, alla metropolitana, al real estate e all'arte non così semplice di attraversare Times Square". (ANSA).

 

.

Ultime Notizie

Testata Giornalistica “Italia Network News” Tribunale di Milano – Reg. n° 141 | Giornale Radio - Iscrizione al R.O.C. Registro Operatori della Comunicazione – Reg. n° 33590

Licenza SIAE Multimedia: 202100000104 - Copyright ©2021 Luckymedia Srl - Società editoriale - P.IVA 02512190998

Privacy & Policy | Credits